AttualitàEconomiaIn evidenzaORWELLPoliticaTop NewsUltime News

L’Italia del filo di Arianna

L’Italia del filo di Arianna

Manlio Lo Presti (Scrittore ed esperto di banche e finanza)

https://lavocedinewyork.com/arts/libri/2019/06/22/seguire-quel-filo-nel-labirinto-della-vita-per-specchiarsi-nellanima/

Usando gli stessi metodi adottati dalla propaganda aziendale di una nota bevanda americana che ha fatto cambiare colore alla blusa di Babbo Natale, continua a stare in piedi la mitologia degli americani salvatori della penisola demolita dalla guerra.

Affermare che gli Usa ci hanno aiutato nel secondo dopoguerra, non descrive compiutamente l’operazione americana sulla ex-italia.

Gli Usa hanno finanziato l’avvio dell’economia italiana su precisi binari per farne un ulteriore sbocco alle merci americane.

Gli Usa hanno raso al suolo tutte le infrastrutture italiane non funzionali al piano e/o concorrenziali con le imprese Usa. Le responsabilità americane di queste amputazioni strutturali stanno venendo alla luce grazie a studi che, in data recente, evidenziano precisi addebiti alle organizzazioni paramilitari Gladio e del “Noto Servizio, detto Anello guidato da Andreotti che ne rivelò poi l’esistenza. Molto si sta discutendo sul silenzio e la complicità degli esponenti della Confindustria, della Banca d’Italia, dei Servizi segreti nazionali, dei sindacati, dei partiti e dei governi tempo per tempo in carica.

Alla luce di studi sociali ed economici compiuti nel corso di questi decenni, con apripista il prof. Luciano Gallino, la ininterrotta deindustrializzazione della ex-italia rientra in questa strategia. La realizzazione di questo piano di lungo periodo è stata realizzata pagando un partito di riferimento per volta iniziando con la Dc, poi con il Psi, poi con il PCI/QUERCIA/DS/PD, collateralmente con i 5STELLE finanziati dalla antica dinastia finanziaria dei Sassoon ma con gestione ‘Ndrangheta tramite l’appoggio di familiari del fondatore, ecc. Tutti gli scostamenti da questo “piano” sono stati rettificati con una serie infinita di attentati con migliaia di morti. Una stagione delle bombe che ha paragonato la ridetta ex-italia a Paesi come Filippine, Indonesia, Louisiana, Sudamerica, Nordafrica, ecc. Abbiamo avuto una sequenza infernale di assassinations realizzate dalla Cia/Nsa/Fbi con l’attiva cooperazione del famigerato Ufficio Politico della Questura diretto dall’abilissimo Hoover de’ noantri Mister Federico Umberto D’Amato. La più celebre operazione “mirata” è stata quella di Aldo Moro. Non poterono uccidere Craxi e i suoi parenti perché ebbe la velocità e l’abilità di far conservare varie casse di documenti e fotocopie ad un notissimo politico soprannominato “LA MADONNA”.

Nel corso del tempo, la robotizzazione ha consentito di utilizzare armi meno cruente ma comunque con moltissime vittime. Parliamo del controllo elettronico delle economie.

Abbiamo l’uso feroce e martellante dello spread creato senza motivazioni economiche razionali e montato su un arbitrario parametro con i bund della Germania più indebitata di noi; abbiamo la valutazione a punti determinata unilateralmente da tre società private, casualmente americane: Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch Ratings https://confrontaconti.ilsole24ore.com/guida-rating/agenzie-di-rating.aspx . In pratica, una trentina di oscuri personaggi che operano dietro scrivanie elettroniche da oltre atlantico determinando il crollo di economie con milioni di persone inermi.  Perché la vita sociale, lavorativa, economica di milioni di persone deve dipendere da un gruppetto di pazzi scatenati (che assumono psicofarmaci) capaci di far saltare il funzionamento di decine di democrazie?

Abbiamo le organizzazioni mondiali che non hanno adempiuto al loro compito istituzionale, tutte rigorosamente con sede negli Usa: Onu, Oms, Unesco, Nato, ecc. che sono diventate strutture inermi o si sono trasformate in bracci armati del Paese dei galeotti: https://www.nuovogiornalenazionale.com/index.php/italia/politica/15144-linutilita-eclatante-degli-organismi-sovranazionali.html.

Abbiamo anche l’arbitraria regola del disavanzo o deficit inferiore al 3 per cento del Pil: https://osservatoriocpi.unicatt.it/cpi-archivio-studi-e-analisi-e-vero-che-la-regola-del-3-per-cento-dei-trattati-europei-e-arbitraria . Fu un’invenzione di un iperattivo giovane Guy Abeille, economista del Ministero francese delle Finanze sotto il governo Mitterrand che la fece subito adottare.

Su queste tre mitologie si sono costruite carriere universitarie, stampati milioni di testi accademici, fondati atenei in presenza e online, rilasciate decine e decine di “lectio magistralis”, nominate decine di “consiglieri economici presso i vari governi”. Esiste ancora gente che – credendosi evoluta, istruita e moderna – ridicolizza la credenza medievale che la Bibbia potesse guarire le piaghe purulente sulle quali veniva appoggiata: https://www.juragentium.org/topics/thil/it/lago.htm. OGGI NOI FACCIAMO LO STESSO SU CREDENZE SENZA UN FONDAMENTO RAZIONALE.

Noi siamo le vittime anche di quelle invenzioni. Altro che studi economici fondati su “decisioni razionali”.

Meglio affidarsi al filo di Arianna …

Un pensiero su “L’Italia del filo di Arianna

I commenti sono chiusi.