Svezia: «Sì alla NATO ma senza stazionamento delle armi nucleari

STOCCOLMA, 16 maggio –  Il Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Svezia al governo sostiene l’ingresso del Paese nella NATO con una riserva: l’alleanza non deve piazzare armi nucleari e basi permanenti sul territorio del regno. La relativa dichiarazione è stata pubblicata sul sito web di questa forza politica. La notizia è riportata dall’agenzia di stampa russa Tass.

«Il consiglio del partito – affermano i socialdemocratici in una nota – ha deciso nella riunione del 15 maggio 2022 di chiedere l’adesione alla NATO». Allo stesso tempo hanno espresso «riserve unilaterali contro il dispiegamento di armi nucleari e basi permanenti sul territorio svedese».

Il 13 maggio è stato pubblicato  un rapporto parlamentare trasversale, che concludeva che l’adesione alla NATO avrebbe aumentato il livello di sicurezza del regno. Il dibattito su questo documento si terrà in Parlamento il 16 maggio, lo stesso giorno il governo svedese terrà un’ulteriore riunione per prendere una decisione formale sulla domanda di adesione all’alleanza. Secondo il quotidiano Svenska Dagbladet, il regno invierà i documenti a Bruxelles il 17 maggio.

► I più letti
► Torna alla Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.