Dichiarazioni 2020: calano i redditi dichiarati e il giro d’affari che alimenta l’Iva

Il Paese è spaccato tra Nord e Sud e sono ancora pochissimi quelli che dichiarano redditi alti. Gli autonomi dichiarano oltre il doppio dei dipendenti e i pensionati dichiarano pochissimo. Il quadro è fornito dalla consueta rilevazione del ministero dell’Economia che traccia il quadro ‘difficile’ del 2020. Quadro destinato, anche sul fronte delle dichiarazioni, ad aggravarsi per gli anni successivi quando agli effetti del Covid sull’economia italiana di sommeranno quelli della guerra in Ucraina, fa sapere l’Ansa.

Il Mef fotografa la solita ‘frattura’ tra il Nord ed il sud del Paese, frattura che riguarda anche la differenza ‘storica’ tra autonomi, dipendenti ma soprattutto pensionati: il reddito medio 2020 più elevato è quello da lavoro autonomo, pari a 52.980 euro, mentre il reddito medio dichiarato dagli imprenditori (titolari di ditte individuali) è pari a 19.900 euro. Il reddito medio dichiarato dai lavoratori dipendenti è invece pari a 20.720 euro, quello dei pensionati a 18.650 euro. Infine, il reddito medio da partecipazione in società di persone ed assimilate risulta di 16.450 euro. «È opportuno ribadire – rimarca il Mef – che per ‘imprenditori’ nelle dichiarazioni Irpef si intendono i titolari di ditte individuali, escludendo pertanto chi esercita attività economica in forma societaria».

Ma le differenze più marcate si vedono anche nelle ‘classi di reddito’ in un Paese che ha il poco invidiabile record dell’evasione fiscale (oltre 110 miliardi l’anno): “Analizzando i contribuenti per fasce di reddito complessivo nel 2020 il Mef osserva che circa il 27% dei contribuenti, che dichiara circa il 4% dell’Irpef totale, si colloca nella classe fino a 15.000 euro; in quella tra i 15.000 e i 70.000 euro si posiziona circa il 70% dei contribuenti, che dichiara il 67% dell’Irpef totale, mentre solo circa il 4% dei contribuenti dichiara più di 70.000 euro, versando il 29% dell’Irpef totale”.

La contrazione di reddito è comunque palese per tutti e l’Iva, cartina di tornasole dell’economia, mostra segni di arretramento: sono circa 4,2 milioni i contribuenti che hanno presentato la dichiarazione Iva per il 2020, in aumento dello 0,3%. Si tratta di un anno molto particolare, in cui si riscontra una marcata contrazione delle principali grandezze Iva, quali il volume d’affari, il totale acquisti, la base imponibile e l’Iva di competenza, a causa dell’impatto del Covid sull’economia italiana. Il volume d’affari dichiarato nell’anno d’imposta 2020 è stato pari a 3.195 miliardi di euro, il calo del 10,2%. Circa il 60% del volume d’affari è costituito dalle operazioni imponibili, pari a 1.896 miliardi di euro (-10,2% rispetto al 2019).

Immagine Ansa – via Condotti a Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.