Covid, quarta dose, i medici di famiglia: «Prevista scarsa adesione»

«Stiamo osservando una maggiore riluttanza da parte degli assistiti verso la vaccinazione anti Covid rispetto a tutte le dosi. Ed è prevedibile, anche da quello che percepiamo dai pazienti, una minore adesione verso la quarta dose nella popolazione che potrà farla», Queste le parole di Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione dei medici famiglia (Fimmg), all’Adnkronos.

«Lo abbiamo già visto per gli immunodepressi. Il pericolo è di avere un autunno ad alto rischio, peggiore degli altri, alla luce delle varianti, della stanchezza degli italiani, distratti da molti altri problemi, e da una copertura vaccinale che si riduce», ha aggiunto sottolineando come la pandemia preoccupi meno gli italiani.

«Recenti indagini – ha spiegato – collocano il Covid, tra i problemi su cui pongono attenzione gli italiani, tra il decimo e il ventesimo posto, mentre la guerra è tra i primi, seguita dai problemi energetici, economici, politici», si legge su SkyTg24.

«Se ci fosse un vaccino contro la bomba atomica, che inquieta molto, gli italiani farebbero quello. La vaccinazione dovrebbe far rima con ‘ragione’ – ha evidenziato Scotti – invece che con ’emozione’, come invece accade adesso».

Immagine IPA/Fotogramma

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *