Ucraina, 300 euro per ogni profugo che trova autonoma sistemazione

I profughi ucraini che hanno fatto richiesta di protezione temporanea e che abbiano trovato un’autonoma sistemazione riceveranno “un contributo di sostentamento una tantum pari a 300 euro mensili pro capite per la durata massima di tre mesi dalla data d’ingresso in Italia”. È quanto prevede un’ordinanza del capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio. In caso ci siano dei minori “è riconosciuto un contributo addizionale mensile di 150 euro per ciascun figlio”.
Vedi –> ORDINANZA 881.

Chi beneficerà del contributo non potrà accedere “ad altre forme di assistenza alloggiativa”, ma potrà ricevere i fondi “in un’unica soluzione e in forma cumulativa”. Anche per due o tre mensilità, qualora i tempi delle domande dovessero prolungarsi oltre i 90 giorni dalla data d’ingresso in Italia.

Contributo in contanti, tempistiche e documenti necessari – Il contributo potrà essere erogato in contanti da un qualunque istituto di credito nel Paese, nel caso l’avente diritto non abbia un conto corrente. Occorrerà presentare un proprio documento d’identità e la ricevuta del permesso per la protezione temporanea rilasciata dalla Questura competente. Nel caso in cui i profughi trovino un lavoro, si legge ancora nell’ordinanza, “il beneficiario può continuare a fruire della misura in godimento per un periodo massimo di 60 giorni”.

L’assistenza sanitaria – Per quanto riguarda l’assistenza sanitaria, i profughi ucraini vengono equiparati ai cittadini italiani. Verrà rilasciato loro un codice fiscale e con quello si potrà accedere alle prestazioni sanitarie. A ogni regione verrà invece riconosciuto un rimborso forfettario di 1.520 euro a profugo, per un massimo di 100mila unità.

Tgcom24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.