Nel Draghistan si contrasta il caro carburante con «Tachipirina e vigile attesa»

La giornalista Maria Teresa Meli, del Corriere della Sera, sintetizza efficacemente, con un tweet, come il governo dei «capaci» intenda contrastare il caro carburante.

«Per contrastare il caro carburante il governo dell’iguana, anziché azzerare le accise, valuta una riduzione di 15 centesimi al litro. Che è un po’ come curare un malato oncologico, o di Covid, con Tachipirina e vigile attesa. Un’assurda imbecillità».

Un pensiero su “Nel Draghistan si contrasta il caro carburante con «Tachipirina e vigile attesa»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *