L’Ucraina è colpa nostra, De Masi smaschera gli errori dell’Occidente

Gli scontri in Ucraina proseguono senza sosta e la sensazione sempre più diffusa nei Paesi europei è che la guerra si stia avvicinando sempre di più alla soglia di casa. «Stiamo rasentando in modo terribile una guerra mondiale» afferma senza usare mezzi termini Domenico De Masi, ospite di Barbara Palombelli durante la puntata di venerdì 11 marzo di Stasera Italia su Rete4, scrive Il Tempo. Il sociologo boccia la politica estera portata avanti negli ultimi 30 anni dall’occidente, e che ci ha portati oggi ad avere un conflitto in corso pronto a degenerare da un momento all’altro.

«Quando si sarà sistemata questa situazione specifica, bisogna cambiare politica, perché la politica che abbiamo avuto negli ultimi trent’anni ci ha portato a questa conseguenza» spiega De Masi. «C’è qualcosa che abbiamo sbagliato anche noi» sottolinea, e aggiunge: «La Nato aveva 12 Paesi iscritti al momento della caduta del muro di Berlino, ora ne ha il doppio. E spende sette volte più della Russia in armamenti». Tanti gli errori dei Paesi europei e dei loro leader che, negli anni, hanno mancato di visione, quella che invece, secondo De Masi, aveva Silvio Berlusconi, che con il presidente russo Vladimir Putin ha sempre avuto ottimi rapporti, riporta Il Tempo.

«Credo che un esempio ci è venuto da Berlusconi. Bisognava avere con la Russia qualcosa di simile a quello che Berlusconi ha avuto con Putin» ribadisce il sociologo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.