No Green pass, centinaia di mezzi pronti a invadere Bruxelles e Strasburgo

Secondo la polizia francese, circa 1.300 veicoli dei “convogli della libertà” hanno fatto tappa domenica vicino a Lille, non lontano dal confine con il Belgio e ora sarebbero diretti verso la capitale

Centinaia di mezzi che partecipano ai “convogli della libertà” contro il green pass si preparano ad entrare a Bruxelles nell’ambito della protesta a livello europeo. Secondo la polizia francese, circa 1.300 veicoli hanno fatto tappa domenica vicino a Lille, non lontano dal confine con il Belgio.

Le autorità belghe hanno intanto vietato qualsiasi manifestazione nella capitale “con veicoli a motore” e hanno annunciato di aver adottato misure “per prevenire il blocco della regione di Bruxelles”. La polizia della capitale ha postato avvisi sui propri social network in francese, olandese, tedesco e inglese, vietando manifestazioni con veicoli, raccomandando di non guidare fino a Bruxelles e indirizzando i convogli verso un parcheggio del parco espositivo alla periferia della città.

Anche i partecipanti a una manifestazione simile all’Aia hanno anche annunciato la loro intenzione di virare verso Bruxelles. Venerdì il premier belga, Alexander de Croo, ha suggerito ai manifestanti di desistere dall’andare a Bruxelles e ha chiesto loro di “protestare nei loro Paesi”.

Sono previsti controlli al confine e i veicoli diretti alla capitale nonostante il divieto saranno dirottati, hanno avvertito le autorità belghe. L’aeroporto di Bruxelles ha raccomandato ai viaggiatori di prendere precauzioni e di utilizzare il treno per arrivare allo scalo nel timore dei blocchi stradali.

Parte un convoglio diretto a Strasburgo

Il “Convoglio per la libertà”, la protesta contro il green pass promossa dai camionisti, si divide: una parte si dirige da Lille verso Bruxelles, l’altra va verso Strasburgo dove da oggi si riunisce il Parlamento europeo in plenaria. “Abbiamo scelto di andare a Strasburgo per incontrare i deputati che hanno accettato di riceverci per ascoltare le nostre lamentele e consegnare loro anche le lettere raccolte dai vari gruppi di cittadini, vigili del fuoco, operatori sanitari, insegnanti, genitori, studenti, infermieri”, spiegano gli organizzatori.

Agi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.