Meluzzi: «Rimarremo l’unico paese prigioniero» [VIDEO]

L’Italia è stata scelta come modello per una sperimentazione globale? Per Alessandro Meluzzi non ci sono dubbi, il Belpaese è divenuto durante la pandemia un riferimento planetario per testare sul campo misure di controllo sociale sperimentali. Le misure restrittive rappresentano dunque l’esito di tentativi progressivi di stress della popolazione attraverso l’imposizione di misure restrittive progressivamente più dure.

L’Italia come paese pilota

Meluzzi evidenzia come la scelta sia ricaduta sull’Italia per alcuni specifici caratteri nazionali: l’individualismo, l’assenza di una concezione collettiva, una tendenza al “familismo amorale” basato su logiche di clan e tribù famigliari ed infine, elemento cardine, l’alto tasso di analfabetismo funzionale, la capacità dunque di non comprendere testi complessi per estrapolarne informazioni.

In tal senso i dati ufficiali sembrano confermare l’analisi di Meluzzi. L’OCSE, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha lanciato infatti l’allarme: ben il 47% degli italiani sarebbe infatti soggetto a tale limite cognitivo, diffuso in particolare tra i giovani.

Alessandro Meluzzi interviene in diretta a Radio Radio TV

Un pensiero su “Meluzzi: «Rimarremo l’unico paese prigioniero» [VIDEO]

  • 13 Febbraio 2022 in 10:51
    Permalink

    grazie agli accordi della lorenzin nel 2014, non ci dimentichiamo di questo nome

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *