Caserta, calciatore 30enne si accascia e muore. Troppi eventi avversi per il vaccino

Si stava allenando con i suoi compagni di squadra della Folgore Maiano, società di Terza categoria di Sessa Aurunca, in provincia di Caserta. All’improvviso, durante la sessione di lavoro allo stadio San Castrese, Asare Seth Seare, 30 anni, si è accasciato al suolo privo di sensi per un malore. É morto forse per un infarto ma ancora non sono chiare le cause, scrive Il Corriere del Mezzogiorno.

Seare che giocava nel ruolo di centrocampista, si stava preparando coi compagni per la sfida di domenica tra la Folgore Maiano di Sessa Aurunca e la United Castelforte, valida per il campionato di Terza Categoria, in programma alle 15 ma rinviata a data da destinarsi. Una sfida importante etichettata come il derby del Garigliano.

I compagni di squadra

I compagni di squadra non hanno potuto fare nulla per evitare la tragedia. La società di Seare, la Folgore Maiano, ha ricordato il suo giocatore sui social. Un messaggio straziante corredato da una foto: «Dove tutto è iniziato li ci ha lasciato in un campo da calcio. Lì al centro da vero mediano. Anche se quel tappeto verde oggi ti è stato crudele è proprio grazie al calcio che hai condiviso i tuoi sogni di libertà e di integrazione con tutti noi. Ciao Asare». Il centrocampista, infatti, aveva trovato nel calcio, la sua passione sin da ragazzino, il su mondo migliore per l’integrazione nel nostro paese. I compagni lo ricordano come una persona gentile, sempre sorridente. Che viveva per il calcio. Nonostante il pronto intervento dei sanitari e dei compagni di squadra non c’è stato nulla da fare per evitare il peggio.

Nelle prossime ore verranno eseguiti gli esami autoptici e forse saranno più chiari tutti i contorni della vicenda. Anche gli avversari dello United Castelforte hanno voluto ricordare sui social il giovane calciatore:«un uomo benvoluto da tutti, una persona buona».

Troppi i decessi d’atleti per «malori improvvisi»

Presidio alla sede del Coni di via Piranesi
«Ormai non possiamo più nasconderlo: la vaccinazione nell’ambito delle attività sportive amatoriali e professionistiche sta causando un numero enorme di conseguenze avverse».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.