Il virologo Silvestri: «Quanti morti per o con covid? Chiederlo non è negazionismo»

«Volontà di capire cosa succede in questa nuova fase pandemica, che è molto diversa da quelle precedenti»

«Quanti morti di covid comunicati nei “bollettini” dal 1/12 ad oggi sono effettivamente morti CON questa infezione e non PER essa?».

Tra coloro che si pongono questa domanda intelligente, oltre alle persone oneste ed intelligenti, c’ è anche il virologo Guido Silvestri, professore della Emory University, che avverte: «Porsi questa domanda – come fanno molti epidemiologi veri – non è negazionismo, ma volontà di capire cosa succede in questa nuova fase pandemica».

«In Italia – Riporta AdnKronos tramite i tweet di Silvestri -, da 1/12, ci sono stati 4.5M nuovi casi di COVID. Dal punto di vista statistico, una popolazione di questa grandezza produce, in condizioni base, cioè se seguita come campione di studio, ~4K morti/mese di follow-up longitudinale, perché morire è parte del vivere. Con questi numeri di infezioni, e per questa ragione – sottolinea quindi il virologo -, diventa importante chiedersi quanti dei >9K morti di COVID comunicati nei “bollettini” dal 1/12 ad oggi siano effettivamente morti PER questa infezione e non semplicemente CON essa (e lo stesso per i ricoveri ospedalieri)Porsi questa domanda – come fanno molti epidemiologi veri – non è negazionismo, ma volontà di capire cosa succede in questa nuova fase pandemica, che è molto diversa da quelle precedenti (e non ponendosela si rischia di usare il dato crudo in modo sbagliato e fuorviante). Come detto da molti – conclude Silvestri -, in assenza di dati specifici su questo aspetto da Regioni, ISS, ISTAT, Ministero etc, diventa essenziale valutare quelli sulla mortalità generale nella popolazione, confrontati con i 5-10 anni precedenti per gli stessi mesi (cd. mortalità in eccesso)».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.