Reddito di cittadinanza, dall’1 febbraio chi è senza Green pass perde il sussidio

Il Green pass diventa praticamente obbligatorio per poter mantenere il Reddito di cittadinanza. Il mix tra la legge di Bilancio e il decreto del 7 gennaio che inasprisce le regole sulla certificazione portano a questo risultato. Chi percepisce il sussidio dovrà infatti obbligatoriamente frequentare i centri per l’impiego; ma per entrare negli uffici dovrà presentare almeno il Green pass light (che si ottiene con il tampone). Insomma, un invito a vaccinarsi per evitare di rimanere senza assegno, si legge su Tgcom24.

È una morsa che continua a stringersi quella nei confronti dei No vax. Non solo verso i lavoratori che già da mesi devono presentare il Green pass ora anche i disoccupati che percepiscono il Reddito di cittadinanza dovranno adeguarsi. Per entrare in banca o in un ufficio postale dall’1 febbraio si dovrà presentare la certificazione. Ma non solo, anche i centri per l’impiego saranno territorio off limit per chi non è vaccinato o quantomeno tamponato. – fa sapere Tgcom24 – Lo stabilisce l’ultima legge di bilancio che nella revisione del Reddito di cittadinanza ha messo l’obbligo di frequentazione dei centri per l’impiego con l’immediata sospensione del sussidio in caso contrario.

In arrivo Dpcm per eccezioni Green pass – Proprio sull’utilizzo del certificato, intanto, sono in arrivo novità. Nel Dpcm, ancora in preparazione, dovrebbero essere previste eccezioni all’obbligo di esibirlo e in particolare per l’accesso ad alcuni servizi e attività commerciali. Non sarà più necessario mostrare il documento quando si va a fare la spesa al supermercato, quando ci si reca in farmacia, in ospedale o presso l’ambulatorio del medico di base dal veterinario, riporta Tgcom24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.