Giorgetti (Lega): «Troppi virologi in tv con verità in tasca, c’è confusione»

Giancarlo Giorgetti attacca i televirologi: «Inizia a esserci insofferenza nei confronti di chi ha verità in tasca pronte per ogni situazione e stagione». Il ministro leghista dello Sviluppo economico, a quanto filtra dalle indiscrezioni, si è sfogato con il Premier Mario Draghi e con i colleghi nel corso della cabina di regia dedicata alle contromisure nei confronti del Covid-19 che torna a preoccupare. Per Giorgetti, oltre all’avanzata del virus, c’è anche un problema di comunicazione: «L’invasione nei talk-show rischia di creare incertezze e confusione».

Dopo la presa di posizione del Presidente Sergio Mattarella nei confronti del «troppo spazio» che sarebbe stato concesso alle tesi contrarie al mainstream, arriva quindi un altro fendente, ma sul versante opposto. Così come il leader del suo partito, Matteo Salvini, ha sottolineato più volte, anche secondo Giorgetti la presenza degli scienziati in televisione sarebbe diventata ormai strabordante.

Per questo, pur senza mettere in discussione la libertà di espressione e delle regole sull’informazione, il ministro ha auspicato una maggior cautela nella scelta degli argomenti e dei protagonisti dei dibattiti televisivi. Non è la prima volta che al ministro leghista viene attribuita una posizione critica sul rapporto tra informazione e Covid-19: questi temi catturano senza dubbio l’interesse del pubblico, ma quando si tratta di pandemia e salute pubblica secondo Giorgetti dovrebbero contare non solo le questioni dell’audience, ma anche il buon senso.

Affari Italiani

Un pensiero su “Giorgetti (Lega): «Troppi virologi in tv con verità in tasca, c’è confusione»

  • 24 Dicembre 2021 in 10:18
    Permalink

    Già’. Spesso mi stupisco di me stesso dato che il mio orientamento politico è sempre stato al l’opposto di lega e co. Ma ultimamente mi trovo allineato con alcuni loro rappresentanti. La presenza assillante in TV di persone che creano confusione è negativa ma del resto la visibilità da alla testa. Ora parlano poi cantano poi tra non molto balleranno o andranno alle varie isole (quelli più belli) . Magari parteciperanno anche a “nudi e crudi”. È ora di darci un taglio. Auguri a tutti i lettori.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.