Austria. Nelle due settimane di «lockdown per non vaccinati» i contagi sono raddoppiati

La regola delle “2G”, applicata in Austria da lunedì 8 novembre nella sua forma più lieve (tampone consentito per andare a lavorare ma non per accedere negli altri luoghi pubblici) e da lunedì 15 nella sua forma più severa (è consentito andare a lavorare ma subito dopo scatta il confinamento a casa, a parte le eccezioni  della spesa essenziale e di una passeggiata), ha fallito. Dimostrarlo è semplice, il periodo di incubazione del virus varia da due giorni ad un massimo di 14 giorni (fonte ISS), anche se è noto che la maggioranza delle persone sviluppa sintomi Covid nella prima settimana, scrive Il Giornale di Udine.

Le due settimane di applicazione della nuova norma erano quindi un tempo sufficiente a vedere un’inversione di tendenza della curva epidemiologica, ma così non è stato:

Il dato riportato al 21.11.2021 dimostra che il numero dei contagi, nonostante il confinamento dei non vaccinati, è pressoché raddoppiato.

Le autorità austriache hanno preso atto dell’insuccesso e dal 22.11.2021 hanno imposto un lockdown generale che durerà 20 giorni. Nonostante questa evidenza, il governatore Fedriga vorrebbe imporre una soluzione del genere in Friuli Venezia Giulia e in Italia.

Condividi


2 pensieri riguardo “Austria. Nelle due settimane di «lockdown per non vaccinati» i contagi sono raddoppiati

  • 24 Novembre 2021 in 18:34
    Permalink

    Purtroppo abbiamo a che fare con persone celebrolese. Il dato e’ incontrovertibile. Si spera in un TSO per tutto il governo, buona parte del parlamento (anche se esautorato, rantola a tono con il suddetto governo) e buona parte dei governatori delle regioni che somigliano sempre piu’ a struzzi

    Rispondi
  • 25 Novembre 2021 in 9:17
    Permalink

    Se il “lockdown per non vaccinati” servisse a far capire che il problema non sono i non vaccinati, bensì i vaccinati che continuano a contagiarsi pur frequentandosi solo tra di loro, potrebbe avere un senso e persino tornarci utile … purtroppo però i piani del governo esulano da qualsiasi forma di logica, i dati vengono falsati a loro piacimento e la maggioranza della gente è in pieno lockdown cognitivo e non capisce nemmeno l’evidenza.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *