Morti improvvise di giovani atleti e l’omertà “mafio-vaccinale”

«È scomparso improvvisamente lo scorso 9 settembre il giovane sportivo Christian Blandini, 20 anni compiuti lo scorso giugno e promessa del volley e del beach volley catanese», scrive Catania Today.

Da quando è iniziata la campagna vaccinale si susseguono «morti improvvise» che colpiscono individui giovani i quali, prima della «morte improvvisa», godevano di ottima salute. L’aspetto quanto mai bizzarro è che sono pochi i quotidiani che rivelano se la vittima si fosse sottoposta all’inoculazione del farmaco genico sperimentale prima del decesso. L’assenza d’indagine da parte di un cronista che si occupa di «nera» crea ulteriori sospetti, specie se la «morte improvvisa» riguarda un ventenne sportivo.

Indignazione se fuori dalle redazioni c’è chi urla «venduti!»

Con ciò non si vuole insinuare, a tutti i costi, che il povero Christian Blandini sia deceduto a causa di una vaccinazione, non si hanno notizie in merito. Sarebbe però interessante verificare se non si riescono ad avere questo tipo di notizie, oppure se queste segnalazioni vengono volutamente omesse, come capita anche a qualche medico un po’ «sbadato».

Si ha la netta impressione che questi decessi facciano affiorare l’italica omertà, adesso anche di stampo «mafio-vaccinale», dove il mandante del crimine dev’essere celato per timore di ritorsioni. È davvero scandaloso tutto ciò, pensando ai veri giornalisti che, rischiando la loro vita, indagano su persone morte per mano della malavita organizzata.

È vero, ad ogni buon conto, che diverse stragi di Stato sono tuttora senza colpevoli.

Nell’immagine Christian Blandini – Catania Today

Condividi


7 pensieri riguardo “Morti improvvise di giovani atleti e l’omertà “mafio-vaccinale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *