Altro disastro di Conte e Arcuri: mascherine Fca ritirate, non sono conformi

Non si sa se ha creato più danni la pandemia o coloro che l’hanno gestita

Due lotti delle mascherine prodotte da Fca e finite «quasi integralmente» negli istituti scolastici devono essere ritirati immediatamente a causa della loro «non conformità». È il contenuto di una nota inviata lo scorso 6 settembre dal ministro della Salute al dicastero dell’Istruzione. Un avviso arrivato a soli sette giorni dal ritorno in classe in quasi tutta Italia e che scrive una parola forse definitiva su una vicenda – quella dei dispositivi di protezione prodotti dalla ex Fiat – che fin dall’inizio ha sollevato polemiche e sospetti. Nella nota del ministero della Salute si svela che è stata la stessa Fca Italy S.p.a. a segnalare i problemi dei lotti 00914086180 e 00914086190, prodotti nello stabilimento di Mirafiori tra la fine di agosto e la metà di dicembre 2020.

Peraltro, «in ragione delle modalità operative con cui la società S.D.A. ha curato la distribuzione», non è possibile risalire la lista degli istituti a cui sono state effettivamente distribuite le mascherine incriminate. Il compito di individuarle passa quindi «a tutti gli istituti scolastici interessati» affinché «provvedano a individuare, non utilizzare e quarantenare – (?!?) – le eventuali giacenze». Poi sarà «il fabbricante» a occuparsi del ritiro e, si immagina, dello smaltimento. L’accordo tra l’allora governo Conte Bis e la Fca fu siglato nell’estate 2020, quando dall’Istituto superiore di Sanità arrivarono cinque autorizzazioni alla produzione: tre per le mascherine per adulti di tipo tradizionale, due per le mascherine di tipo pediatrico da distribuire sostanzialmente nelle scuole. Due gli stabilimenti di Fca interessati, quello di Mirafiori e quello di Pratola Serra.

Il Tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *