Il ministro Speranza contestato al suo arrivo in Toscana

l titolare del dicastero della Salute ha trascorso una giornata in un resort di Castiglione della Pescaia

Castiglione della Pescaia (Grosseto), 8 agosto 2021 – Contestazione al ministro della Salute Roberto Speranza, idi passaggio Toscana. La famiglia Speranza ha scelto Castiglione della Pescaia, e in particolare il resort Roccamare, per le vacanze estive. Le spiagge castiglionesi, la loro sabbia, la natura selvaggia e la grande pineta sono un’attrattiva per moltissimi turisti e anche per il titolare del dicastero della Salute, che ha accompagnato lì per un giorno moglie e figli. 

Il ministro è stato contestato dal popolo delle discoteche. In particolare dai gestori, che in un video chiedono conto del perché gli altri tipi di locali, come i ristoranti, possano restare aperti con l’obbligo di green pass ma le discoteche siano ancora chuse. Il comparto ormai da oltre un anno soffre in maniera particolare le chiusure anti contagio. E non ha mancato di spiegare le sue ragioni al ministro. Con una serie di cartelli e un video diffuso in Rete. 

«Siamo venuti a dare il benvenuto al ministro Speranza in vacanza in Maremma – ha spiegato Antonio Degortes, gestore del locale La Capannina a Castiglione – Le discoteche sono in gran parte chiuse da 19 mesi. Caro ministro perché il green pass vale per tutti e per i locali no? Ce lo devi spiegare o altrimenti noi staremo qui 7 giorni ad aspettarti e a farti compagnia insieme ai clienti del resort».

Degortes ha tra l’altro deciso di chiudere il locale per questa stagione dopo che a fine luglio uno stop di qualche giorno era stato imposto per irregolarità riguardo alle regole anti Covid rilevate dalle forze dell’ordine. Sulla spiaggia sono intervenuti i carabinieri che hanno proceduto all’identificazione dei partecipanti alla manifestazione, non preavvisata. I manifestanti chiedono appunto un incontro al ministro altrimenti promettono che ripeteranno la protesta anche nei prossimi giorni.

La Nazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *