AttualitàCovid-19CronacaEconomiaGuerra UcrainaIn evidenzaMalori ImprovvisiMondoPiù lettiPoliticaSondaggioTop NewsUltime News

PRIDNESTROVIE DENUNCIA “TENTATIVI DI ATTACCHI TERRORISTICI ORGANIZZATI DAI SERVIZI SPECIALI DELL’UCRAINA”

di Graziarosa Villani

Le risposte del Ministero degli Affari Esteri della Pridnestrovian Moldavian Republic. Intervista sulla situazione geopolitica dell’area che rischia di sfociare in un nuovo conflitto aperto
L’attuale situazione internazionale, il conflitto in atto tra Russia ed Ucraina, rischiano di destabilizzare ulteriormente l’assetto geopolitico che si è creato nell’area dell’Est Europa a seguito della dissoluzione dell’Urss.
In questo contesto alcune Repubbliche autonome potrebbero essere coinvolte in situazioni di conflitto. Tra queste Pridnestrovie o Pridnestrovian Moldavian Republic – PMR impropriamente denominata in Italia “Transitria”, denominazione che i cittadini della stessa Repubblica non accettano per ragioni storico-politiche.
Siamo stati in grado di realizzare una importante intervista, grazie alla disponibilità di Vito Grittani, Ambasciatore A.D. presso il Ministero degli Esteri della Repubblica di Abkhazia, allo scopo di capire quale sia la situazione geopolitica nell’area, se ci siano possibilità di ripresa del conflitto tra Pridnestrovie e la Moldavia – dal quale la prima si è distaccata – quale sia la situazione socio-economica dello Stato e i rapporti con la Repubblica di Abkhazia con la quale vige un riconoscimento reciproco. Le risposte sono state fornite dal Servizio Stampa del Ministero degli Affari Esteri della Pridnestrovian Moldavian Republic.

A vostro avviso esiste un asse Chisinau-Kyiv-Washington che minaccia il vostro Stato?

Questa visione semplificata delle relazioni internazionali e dei processi in corso non sono così comuni tra i diplomatici se si fa una paragone con i media o con la comunità di esperti. Ci sono molti di tali assi e di loro variazioni. Lo scorso anno ha portato una significativa polarizzazione negli affari internazionali, che è sempre più rievocativo delle configurazioni a blocchi nell’ordine mondiale del secolo scorso. Ad esempio, la distribuzione dei voti dei Paesi su questioni sensibili nell’ambito di forum internazionali e regionali come le Nazioni Unite e l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE).
Avviate dalla globalizzazione, la trasfusione di risorse intellettuali e di capitali, così come la cooperazione attiva di tutti i maggiori attori internazionali, è attualmente limitata, che aggrava le contraddizioni esistenti e i conflitti, generando nuovi problemi e creando incertezza.
Questo stato di cose può essere chiaramente dimostrato dall’esempio del dialogo tra Pridnestrovie e la Moldavia, che è sempre stato, più o meno, dipendente dalla situazione internazionale, data l’internazionalizzazione del processo negoziale (Formato 5+2). Durante i periodi di stabilizzazione delle relazioni tra i partecipanti internazionali di questo formato, ci sono stati seri cambiamenti e progressi nell’accordo. Possiamo ricordare il 2011-2012, quando sono ripresi i lavori del Formato 5+2, o il 2016, quando è stato firmato il Protocollo di Berlino. Durante i periodi di deterioramento delle relazioni tra Russia e l’Occidente, Russia e Ucraina, l’accordo moldavo-pridnestroviano ristagnava. La violazione degli accordi precedentemente firmati e l’adozione di misure unilaterali da parte della Repubblica di Moldova hanno portato nuovi problemi e focolai di tensione.

Ritiene possibile allo stato dei fatti una ripresa del conflitto con la Moldova?

Non si può escludere un tale scenario, perché il conflitto non è stato risolto in modo generale e l’attuale situazione regionale non contribuisce a rafforzare il clima di fiducia, ma fornisce un ulteriore fattore di disturbo. Allo stesso tempo, l’operazione tripartita di mantenimento della pace sul Dniester opera al fine di prevenire tentativi di confronto armato tra le parti e differenti provocazioni. La sua funzionalità fornisce algoritmi chiari e misure di risposta complessivi in caso di incidenti. Inoltre, anche l’attuale quadro giuridico tra Pridnestrovie e la Moldavia sotto forma di vari accordi sociali, economici e umanitari ha un valore stabilizzante. A questo proposito, un segnale allarmante è il fatto che nell’ultimo anno Chisinau ha ritirato o sospeso la sua partecipazione a molti accordi bilaterali, ha inasprito la retorica politica e adottato una serie di nuovi strumenti legislativi ostili nei confronti dei residenti della PMR, ad esempio la cosiddetta “Legge Separatista”. La parte pridnestroviana si impegna a principi esclusivamente pacifici e legali per risolvere eventuali questioni controverse al tavolo dei negoziati e adempie a tutti gli obblighi assunti in base agli accordi raggiunti durante il processo negoziale. Nel contesto della sua domanda, dovremmo anche menzionare i tentativi di attacchi terroristici nel territorio di Pridnestrovie, organizzati dai servizi speciali dell’Ucraina. Essi rappresentano una sfida senza precedenti nella storia moderna della PMR, soprattutto in considerazione del nostro approccio aperto ai rifugiati ucraini, così come dell’assistenza e del supporto forniti loro. Ci auguriamo che dare voce ai fatti di disposizioni di attacco terroristico possa prevenire il loro ripetersi e che i nostri appelli alle organizzazioni internazionali con una richiesta per garantire la sicurezza dei residenti di Pridnestrovian saranno ascoltati.

Quale ruolo svolgono le organizzazioni internazionali, quali Onu e Osce, nel vostro Stato?

L’interazione con le Nazioni Unite è di lunga data e di natura sfaccettata, ciò in pratica è espresso nell’attuazione da parte delle competenti agenzie delle Nazioni Unite di vari programmi settoriali e progetti a Pridnestrovie. Ad esempio, Il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (in inglese United Nations Development Programme, UNDP fornisce supporto nel rinnovamento e nella ricostruzione delle infrastrutture sociali, delle piccole imprese, aiuta le organizzazioni pubbliche e i gruppi socialmente vulnerabili. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha assistito nell’analisi di vari aspetti del sistema sanitario e nello sviluppo di raccomandazioni per migliorare l’assistenza medica sia in aree mediche separate che su questioni generali di sviluppo sanitario, ad esempio la gestione del sistema medico. Nel corso degli anni si è sviluppata la cooperazione con l’UNICEF, anche in termini di miglioramento delle cure perinatali e delle vaccinazioni. L’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani è attivo a Pridnestrovie. In questo contesto, vale la pena sottolineare l’iniziativa delle Nazioni Unite sullo sviluppo congiunto del Framework for Human Rights nella PMR. Si tratta di un documento strategico completo compilato sulla base di un’analisi delle raccomandazioni condivise dagli esperti delle Nazioni Unite che hanno visitato Pridnestrovie, la legislazione di Pridnestrovie e i cambiamenti avvenuti nella PMR dopo che il primo rapporto UN Senior Expert on Human Rights a Pridnestrovie Thomas Hammarberg è stato pubblicato. Nell’ambito della fornitura di assistenza ai rifugiati ucraini arrivati a Pridnestrovie, abbiamo intensificato l’interazione con alcune agenzie delle Nazioni Unite come l’Ufficio dell’Alto Commissariato per i Rifugiati e il Programma Alimentare Mondiale. Allo stesso tempo, va notato che le citate agenzie sotto l’egida delle Nazioni Unite sono anche coinvolte in attività umanitarie a sostegno dei rifugiati in senso stretto. Lo sviluppo della cooperazione con l’OSCE è direttamente correlato alla partecipazione di tale organizzazione al processo negoziale moldavo-pridnestroviano. In conformità con gli accordi precedentemente raggiunti, l’organizzazione ha uffici a Tiraspol e Bendery e, nell’ambito delle sue funzioni di mediazione, fornisce piattaforme per i negoziati tra le parti in vari formati. Negli uffici della Missione OSCE si tengono regolarmente riunioni di gruppi (di lavoro) di esperti e rappresentanti su questioni politiche di Pridnestrovie e Moldova. L’OSCE prepara e organizza le riunioni della Conferenza permanente nell’ambito del formato 5+2, partecipa alle attività dei gruppi tematici e fornisce consulenza su varie questioni. Allo stesso tempo, negli ultimi anni si sono accumulate molte rivendicazioni riguardanti le attività dell’OSCE, la sua posizione passiva, ciò ha portato anche alla stagnazione del processo negoziale. In considerazione di ciò, alla fine del 2022, il mandato della missione è stato prorogato solo per i prossimi sei mesi.

Le limitazioni in atto costituiscono in qualche modo un blocco economico nei confronti del vostro Stato. Con quali conseguenze?

Storicamente, Pridnestrovie ha dovuto affrontare blocchi e misure restrittive dalla Moldavia Possiamo dire che l’economia stesse funzionando in modo permanente sotto sanzioni politicamente motivate e da altri stati, compresi i partecipanti al processo negoziale. Da questa situazione emergono costi per le imprese e le persone, carenze di bilancio per i pagamenti sociali, procedure forzate per il doppio sdoganamento delle merci con varie barriere amministrative e burocratiche, detenzione e sequestro di merci pridnestroviane in Moldavia, dal cibo e medicine alle attrezzature industriali, materie prime e piastrine per targhe automobilistiche. Le imprese pridnestroviane impegnate in attività economiche estere devono costantemente affrontare la corruzione negli organi competenti della Repubblica di Moldova e i tentativi di richiedere pagamenti imprevisti per tutti i tipi di permessi. Le questioni di cui sopra si sono particolarmente aggravate dopo la completa chiusura dei posti di blocco al confine tra Pridnestrovie e l’Ucraina nel febbraio 2022. Le aziende pridnestroviane sono costrette a importare tutte le merci attraverso la Moldavia, con notevoli difficoltà e costi. Da un anno a Pridnestrovie c’è una grave carenza di medicinali, causata dal rifiuto della Moldavia di far transitare tutti i medicinali necessari. La difficile situazione socio-economica e la crisi umanitaria causata prima dall’epidemia di COVID-19 e poi dalle operazioni militari in Ucraina vengono utilizzate cinicamente da Chisinau per aumentare la pressione su Pridnestrovie.

Il conflitto russo-ucraino ha rafforzato i rapporti che intrattenete con la Repubblica di Abkhazia?

Pridnestrovie ha protratto le relazioni alleate con l’Abkhazia. Si basano sul Trattato di amicizia e cooperazione, firmato nel 1993 e divenuto uno dei primi documenti internazionali per entrambi gli Stati. Da quel momento, abbiamo firmato più di due dozzine di accordi in una varietà di settori, vale a dire istruzione, protezione sociale, cultura, commercio, contatti economici e sport. Va sottolineato che questi accordi non rimangono solo sulla carta, ma trovano concreta attuazione. Vale la pena notare che nel 2017 abbiamo firmato un trattato di amicizia e cooperazione aggiornato. Il Memorandum di cooperazione in materia di assistenza sanitaria, sviluppo sociale e protezione sociale è stato tra gli accordi più significativi dello scorso anno. Il documento copre questioni di interazione su un’ampia gamma di questioni umanitarie, ma servirà in modo cruciale come base per il meccanismo di protesi, trattamento sanitario e riabilitazione in Abkhazia dei difensori disabili della PMR. In generale, le relazioni con la Repubblica di Abkhazia possono essere definite di partenariato e ancor più di fratellanza. I nostri popoli sono uniti dal desiderio di costruire Stati liberi e indipendenti e di ottenere un ampio riconoscimento internazionale. Questo non vuol dire che gli eventi attuali abbiano avuto un impatto significativo sui nostri legami, sia in modo positivo che negativo.
Certo, abbiamo alcune difficoltà in termini di logistica; tuttavia, dato lo sviluppo delle tecnologie di comunicazione, questo fattore non è diventato un ostacolo alla nostra comunicazione. Ovviamente, siamo preoccupati per la retorica aggressiva della Moldavia e della Georgia e, nell’ambito dei nostri contatti regolari, tocchiamo immancabilmente la stabilità e la sicurezza regionali. Diversamente, la parte pridnestroviana, come prima, è determinata a mantenere un dialogo costruttivo con tutti i paesi, compreso un partner di lunga data e affidabile come la Repubblica di Abkhazia.