«Draghi stupido. Conduzione grottesca della crisi»: Tremonti è un fiume in piena [video]

“Uno stupido”. “Conduzione della crisi grottesca da parte di Draghi”. Giulio Tremonti, ospite a “Controcorrente” su Rete 4, a governo appena caduto, non usa perifrasi per delineare il comportamento dell’ormai ex premier in questa pagina di crisi istituzionale. L’ex ministro dell’economia del governo Berlusconi smonta tutti i passaggi di un SuperMario tutt’altro che super. Il tema principale di tutti i talk show di queste ore è passare al setaccio le mosse di Mario Draghi da lunedì scorso a ieri, giorno del suo ultimo atto a Palazzo Chigi. L’economista offre una visione realistica dei fatti, contrariamenti agli ‘osanna’ della Bonafè , la grillina di ordinanza in studio. “Un governo serio avrebbe dovuto chiedere la fiducia di tutti su alcune cose essenziali: il carrello della spesa, l’energia, i salari”.

Tremonti “smonta” Mario Draghi su tutta la linea
Invece ha scelto di farsi ingabbiare dalle manovre del Pd. Tremonti in questi mesi ha contestato senza mezzi termini la linea economica del governo. E aveva rincarato la dose, già in mattinata, ospite ad Omnibus. «Uno stupido», dice Tremonti citando Carlo Cipolla. Nel senso etimologico del termine. Ossia «provoca danni agli altri senza ottenere benefici per se stesso». Una dura stoccata. Uno schema che l’economista applica al Draghi di mercoledì scorso nel discorso ai senatori. Quella frase: «sono gli italiani», e non i partiti rappresentati in Parlamento, ad avergli chiesto di andare avanti, come ha fatto inorridire Giorgia Meloni (“Draghi si è preso i pieni poteri”), ha disturbato anche un osservatore come Tremonti.
Il Secolo d’Italia