Speranza: serve una legge sul fine vita. In quest’ambito il nostro ministro è insuperabile

«Una volta che la procedura di verifica del rigoroso rispetto delle condizioni individuate dalla Consulta sia stata completata, le strutture del servizio sanitario nazionale non possono assumere atteggiamenti ostruzionistici, né è ipotizzabile che i costi siano a carico del paziente». Lo assicura il ministro della Salute Roberto Speranza con un intervento su La Stampa in riferimento al caso di Mario, il marchigiano che chiede il suicidio medicalmente assistito ma si deve pagare il farmaco. La notizia è riportata dall’Ansa.

A questo punto si può affermare che Speranza come ministro della Salute non è un gran che ma sul fine vita è insuperabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.