Mafia, voto di scambio a Palermo: arrestato candidato Forza Italia

Con l’accusa di voto di scambio elettorale politico-mafioso la Polizia di Palermo ha arrestato Pietro Polizzi, uno dei candidati di Forza Italia al Consiglio comunale di Palermo. Secondo la Procura di Palermo, che coordina l’inchiesta, per essere eletto l’arrestato avrebbe stretto un patto con i boss dell’Uditore, i costruttori Sansone, ritenuti da sempre vicini al boss Totò Riina.

Polizzi è stato consigliere provinciale di Palermo, eletto all’epoca nell’Udc. Arrestato anche Agostino Sansone, fratello di Gateano, il proprietario della villa di Via Bernini in cui Riina trascorse gli ultimi mesi prima dell’arresto avvenuto il 15 gennaio del 1993.
Adnkronos- Immagine Fotogramma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.