Abramovich denuncia alla Corte europea l’Ue per le sanzioni e i sequestri di yacht e ville

L’ex patron del Chelsea Roman Abramovich, fresco di vendita del club londinese ha deciso di passare al contrattacco, denunciando il Consiglio Europeo per i sequestri di ville e yacht.

Abramovich – scrive il Corriere della Sera – ha intentato una causa presso la Corte europea della Giustizia di Lussemburgo contro il Consiglio Ue per le sanzioni adottate nei suoi confronti in seguito all’invasione russa dell’Ucraina, si prospetta un maxi risarcimento danni per i sequestri di suoi beni ritenuti illegittimi. Lo riferisce l’agenzia Tass. La causa del magnate russo, il cui patrimonio da Bloomberg è stato stimato intorno ai 14,3 miliardi di dollari, è stata registrata dal tribunale il 25 maggio. In precedenza altri due uomini d’affari, Mikhail Fridman e Petr Aven, avevano intentato cause simili presso la corte europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.