Spagna: ogni abuso sarà considerato violenza sessuale. Nella riforma anche la «violenza digitale»

Svolta in Spagna nella lotta alle violenze sessuali. Il Congresso dei deputati ha approvato una nuova legge, chiamata del «solo sì è un sì», per cui qualsiasi atto sessuale senza consenso sarà considerato stupro. Un inasprimento per cui ogni abuso sarà considerato violenza sessuale. Finora nei processi la figura giuridica dell’abuso era utilizzata agli avvocati degli aggressori per ottenere le attenuanti. «La Spagna è da oggi un Paese più libero e sicuro per tutte le donne», esulta Irene Montero, ministro dell’Uguaglianza.

La nuova norma dovrà attendere l’esame del Senato, ma si tratta di una formalità. La necessità di inasprire le norme nasce dopo un triste episodio di cronaca che tenne banco nell’opinione pubblica spagnola. Nel 2016, durante i festeggiamento della famosa festa di San Fermín a Pamplona, alcuni giovani aggredirono una ragazza di Madrid.

«Non è abuso, è stupro» e «Sorella, io sì ti credo» divennero gli slogan delle associazioni che combattevano per il rispetto delle donne. Quando due tribunali condannarono il gruppo di aggressori soltanto per abuso, la polemica montò nel Paese. I verdetti furono poi rivisti dal Tribunale supremo spagnolo, i cui giudici riconobbero che fu una vera e propria aggressione sessuale.

Nelle riforma si prevede anche la «violenza digitale», cioè quei casi di estorsione sessuale e diffusione senza consenso della persona di immagini intime. Saranno sempre reato anche le molestie subite dalle donne per strada.
Tgcom24Immagine olycom

► I più letti
► Torna alla Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *