Cazzola: «Voglio vedere Putin appeso per i piedi nella piazza Rossa». In somma, il solito “Cazz…”

«Lo voglio vedere appeso per i piedi nella piazza Rossa». Giuliano Cazzola non si tiene e si augura per il presidente russo Vladimir Putin una fine sanguinosa che ricorda quella di Benito Mussolini, tanto che l’ex sindacalista non nasconde che vedrebbe bene l’esecuzione dello zar a Piazzale Loreto. Myrta Merlino, la conduttrice de L’aria che tira, sul La7, nella puntata di mercoledì 4 maggio fatica non poco a tenere nei limiti l’esuberante ospite.

«Putin lo voglio vedere appeso, ma è possibile che uno che manda i missili» in giro per l’Europa «viene trattato con i guanti bianchi? Deve essere sconfitto». La conduttrice respinge i toni usati da Cazzola: «Putin deve essere sconfitto ma processato e giudicato» per gli eventuali crimini di guerra, argomenta Merlino.

L’ex sindacalista, però, insiste e rincara la dose: «Ma se io lo vedo appeso per i piedi, ecco, non mi dispiace… Gente come lui deve fare una brutta fine. Mi piacerebbe vederlo appeso a testa in giù a Piazzale Loreto, ma è difficile da trasportare…”. La Merlino non sa più a che santo votarsi: «Non volevo fare mica una puntata de La storia siamo noi…», così conclude l’articolo pubblicato da Il Tempo.

Il fenomeno in questione, ossia “Cazz…” Giuliano (inutile menzionare per esteso il suo cognome, rende meglio l’idea di chi sia costui soltanto la prima parte) disse che la ministra Lamorgese avrebbe dovuto richiamare in servizio il «feroce monarchico Bava che con il piombo gli affamati sfamò», per giustiziare coloro che non intendevano sottoporsi alla sperimentazione del farmaco genico, chiamato subdolamente vaccino.

È evidente che il “Cazz…” in questione è un uomo violento e rozzo nei modi e nei termini, il quale vorrebbe giustiziare tutti  i “cattivi”. O più precisamente, coloro che non condividono il suo pensiero. Insomma, il classico italico “antifascista” che in soldoni pare più fascista dei fascisti.

Il vero problema è che un individuo di questa risma venga ancora ospitato in trasmissioni pubbliche. Ciò la dice lunga sui tempi che stiamo vivendo e sul tipo di “informazione” che ci viene proposta.

► I più letti
► Torna alla Prima pagina

Un pensiero su “Cazzola: «Voglio vedere Putin appeso per i piedi nella piazza Rossa». In somma, il solito “Cazz…”

  • 6 Maggio 2022 in 12:53
    Permalink

    Questo sarebbe meglio se stesse zitto!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.