Comune di Modena: spese benzina ai nomadi che portano i figli a scuola

Altri 5.500 euro per la seconda ed ultima parte dell’anno scolastico. È questa la cifra che con la determina del 28 marzo scorso il Comune di Modena, sulla base di una scelta politica fatta già nel 2009 e confermata fino ad oggi, andrà a compensare le spese di trasporto con mezzi propri (di fatto il carburante), ai residenti nelle microaree nomadi del Comune di Modena che portano i loro figli a scuola. La notizia è riportata dal giornale modenese LaPressa.

Risorse pubbliche che verranno parcellizzate presumibilmente anche quest’anno, come negli ultimi anni, in singoli contributi da 1,60 euro per i servizi educativi 0-6 anni, per ogni giorno di effettiva frequenza, e 3,60 euro per le scuole primarie e secondarie di primo grado, in ragione della maggiore distanza dalle aree nomadi. Il presupposto di questo contributo è quello che già aveva motivato la giunta Pighi, nel 2009, ad introdurlo: l’integrazione scolastica dei minori nomadi.

In particolari alle scuole elementari e medie
Che, in soldoni, si traduce in questo: visto che rimane difficile convincere le famiglie nomadi a mandare i loro figli a scuola (obbligo di legge), le si incentiva compensando i costi di trasporto (di fatto il carburante), per portarli con mezzi propri, vista la ‘scomodità’ o l’indisponibilità del trasporto pubblico. La spesa complessiva annuale – fa sapere laPressa – rinnovata negli anni si è attestata in media sugli 11.000 euro con punte di 13.000 euro. Una media che sarebbe confermata per quest’anno considerando che l’ultima determina prevede in circa la metà (5.500 euro), la cifra stanziata per l’ultima metà dell’anno scolastico.

Gli scorsi anni il provvedimento ha fatto scattare la critica di chi, in linea di principio, più che per le cifre in ballo, aveva contestato il privilegio concesso ai nomadi rispetto alle famiglie che non lo sono e per le quali, nonostante l’indicatore Isee, non esistevano (e non esistono) misure di sostegno che contemplassero direttamente il rimborso per il trasporto dei proprio figli a scuola. Cosa che invece è prevista per i residenti nei campi nomadi del comune.

«È l’Italia bellezza…»

► I più letti
► Torna alla Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.