L’aviazione russa distrugge i sistemi S-300, oltre a depositi di munizioni e carburante in Ucraina

L’aviazione delle forze aerospaziali russe ha distrutto due sistemi missilistici S-300 e danneggiato due magazzini con munizioni e carburante sul territorio ucraino. Lo ha affermato il ​​portavoce del ministero della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov.

«L’aviazione operativa-tattica e dell’esercito delle forze aerospaziali russe ha distrutto due sistemi missilistici antiaerei S-300 ucraini nelle aree degli insediamenti di Zaporozhye e Artemovsk. Due magazzini di munizioni e carburante nelle aree degli insediamenti di Privolnoe e Shevchenko, la regione di Zaporozhye è stata colpita, così come 15 roccaforti e aree di concentrazione di forze e attrezzature»,  fa sapere una nota della Tass.

Le forze armate russe hanno distrutto un hangar con armi e munizioni consegnate dagli Stati Uniti e dai paesi europei alla regione di Odessa usando missili Oniks, che hanno colpito la pista di un aeroporto militare.  Konashenkov ha aggiunto «I missili Onyx ad alta precisione hanno distrutto un hangar con armi e munizioni ricevute dagli Stati Uniti e dai paesi europei in un aeroporto militare nella regione di Odessa e hanno anche distrutto la pista».

Sette strutture militari dell’Ucraina sono state colpite da missili ad alta precisione delle forze aerospaziali russe, inclusi tre magazzini di armi missilistiche e munizioni, ha aggiunto Konashenkov. «Il missile lanciato dall’aria ad alta precisione delle forze aerospaziali russe ha colpito sette strutture militari dell’Ucraina, comprese quattro aree di concentrazione di forze e attrezzature militari, nonché tre magazzini di armi e munizioni missilistiche e di artiglieria nelle aree degli insediamenti di Berezovoe nella Repubblica popolare di Donetsk, Slatino e Barvenkovo ​​nella regione di Kharkov».

Allo stesso tempo, i sistemi di difesa aerea russi hanno distrutto due aerei Su-24M ucraini, 12 droni e due missili Tochka-U. «I sistemi di difesa aerea russi hanno abbattuto due bombardieri Su-24M dell’aviazione ucraina nella regione di Kharkov. Anche 12 veicoli aerei senza pilota ucraini sono stati distrutti durante la notte», ha fatto sapere Konashenkov.

«In totale, – scrive la Tass – dall’inizio dell’operazione militare speciale, 145 velivoli, 112 elicotteri, 672 velivoli senza pilota, 281 sistemi missilistici antiaerei, 2.703 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento, 312 sistemi di lancio multiplo di razzi sono stati distrutti», ha precisato il generale.

► I più letti
► Torna alla Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.