Novara: acquistano cocaina col reddito di cittadinanza

Non si fermano le truffe compiute con il reddito di cittadinanza. A Novara stavolta lo sfruttano per acquistare cocaina. A fare uso del sussidio generosamente donato dal governo sono 3 persone del piemontese che a quanto si apprende lo utilizzavano per acquistare droga, si legge su Il Giornale d’Italia. La transazione avveniva in modo veloce tant’è che i fermati avevano consegnato la Poste Pay direttamente al pusher che così non doveva attendere il versamento.

A scoprire la modalità di acquisto, sono stati gli agenti di polizia di Novara che hanno denunciato quattro persone tra cui il pusher. Ma i dati sulla misura varata sono inquietanti: negli ultimi 5 mesi oltre 6 milioni e mezzo di euro versati nelle tasche di 1204 persone senza diritto al beneficio.

Sugli uomini denunciati a Novara, scrive ancora, per possesso di cocaina, Il Giornale d’Italia, l’indagine è venuta a galla dopo aver scoperto che l’uomo, un italiano di 61 anni, possedeva 116 dosi di droga pari a 81 grammi di cocaina e anche diverse poste pay di persone residenti nel capoluogo. Sono riusciti a identificarne tre, uno di 35 anni, uno di 43 e un terzo di 63 anni, tutti italiani e residenti a Novara, e hanno scoperto che le carte che avevano ceduto al pusher erano quelle su cui veniva accreditato il reddito di cittadinanza. Dalle indagini gli agenti hanno infatti accertato che i tre erano beneficiari del reddito destinato a chi è disoccupato ma lo utilizzavano per comprare droga.

L’uomo così, dotato del codice pin necessario per prelevare i soldi una volta versati non faceva il minimo sforzo. Lo hanno ricostruito gli investigatori secondo cui i tre per assicurarsi la droga avevano consegnato allo spacciatore le carte prepagate. Ed il pusher poteva in modo autonomo usarle per ritirare il denaro o fare acquisti e garantirsi il pagamento della cocaina. Durante le indagini è stato denunciato un quarto, 47 anni albanese, per traffico e detenzione illecita di droga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.