Orsini: «Zelensky deve darsi una calmata»

«Zelensky deve fare pace con se stesso. Deve darsi una calmata, politicamente è un incapace». Sono le parole del professor Alessandro Orsini che a Cartabianca, su Raitre, interviene sulla guerra tra Ucraina e Russia.

«Se questa è una guerra che riguarda solo Russia e Ucraina, il presidente ucraino Zelensky fa quello che vuole. Se rischiamo una guerra nucleare, Zelensky deve darsi una calmata e non può pensare di precipitarci nella terza guerra mondiale o di chiedere a centinaia di imprese italiane di essere spazzate via. Se siamo coinvolti, Zelensky deve accettare che l’Italia e l’Europa abbiano voce in capitolo», dice il docente di sociologia del terrorismo internazionale.

«Cinque giorni prima che iniziasse l’invasione russa,  – scrive AdnKronos – il cancelliere tedesco Scholz aveva tentato una mediazione: Zelensky avrebbe dovuto rinunciare alla Nato e dichiarare la neutralità dell’Ucraina, ha rifiutato», aggiunge. «Il governo italiano deve assumere la guida della diplomazia della pace, deve rendersi disponibile al riconoscimento del Donbass e della Crimea. Non affido la situazione a Zelensky, quest’uomo è un incapace totale politicamente», afferma.

«Io non ragiono in un’ottica politica ma umanitaria: preferisco che i bambini vivano in una dittatura e non muoiano sotto le bombe in nome della democrazia. Un bambino può essere felice anche in una dittatura», prosegue Orsini.

Le ultime giornate sono state dominate dall’orrore per le immagini dei massacri di Bucha. «È un orrore, mi impressiona che a nessuno venga in mente di lanciare una fortissima iniziativa di pace. O l’Italia manda i soldati a proteggere gli ucraini, o bisogna fare la pace. La soluzione di mezzo è la peggiore. Immaginiamo per ipotesi che non siano stati i russi: sotto il profilo morale non cambia nulla, ci sono persone massacrate tutti i giorni dai russi. L’Italia deve assumere la guida del processo di pace o avremo altri massacri», dice Orsini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.