Polonia: «Pronti ad ospitare armi nucleari degli Usa»

Nessuna tregua e negoziati sempre più complicati. Zelensky attacca il Cremlino per le centinaia di civili senza vita trovati nelle strade della cittadina alla periferia di Kiev, ma la Russia nega tutto e chiede una riunione urgente del consiglio di sicurezza dell’Onu. Intanto dalla Polonia arriva una mossa diplomatica destinata a cambiare gli scenari attuali del conflitto. «Siamo pronti a ospitare armi nucleari Usa». Lo annuncia Jaroslav Kaczynski, 75 anni, figura chiave del Paese, presidente del partito al governo Diritto e Giustizia e vicepremier dell’esecutivo guidato da Mateusz Morawiecki.

Kaczynski ha rilasciato un’intervista al quotidiano tedesco Welt am Sontag che farà discutere soprattutto per questa frase: «Se gli americani ci chiedessero di piazzare le loro armi nucleari sul nostro territorio, noi saremmo pronti a farlo. Sarebbe una mossa che rafforzerebbe in modo netto la deterrenza nei confronti della Russia», si legge su Affari Italiani.

Il vicepremier ha precisato che l’idea «non è stata discussa» né con Washington né in sede Nato. Ma, ha aggiunto, «lo scenario potrebbe cambiare presto». Sarebbe una svolta radicale negli equilibri geo-militari dell’Europa. Nella capitale americana, però, – si legge sul Corriere della Sera – questa ipotesi non è mai stata discussa.

Un discorso diverso, invece, vale per l’altra proposta avanzata da Kaczynskiaumentare notevolmente il numero dei militari Usa dislocati sul fianco Est della Nato. In questo momento ci sono circa 100 mila soldati americani nel Vecchio Continente. Quasi 20 mila sono schierati lungo il confine orientale; 10 mila sono in Polonia. Il fondatore di Diritto e Giustizia chiede all’Amministrazione Biden di inviare altre 50 mila unità, fino ad arrivare a un totale di 150 mila. Un terzo di questi, 50 mila, dovrebbe prendere posizione in Polonia; altri 25 mila nei Paesi baltici.

Un pensiero su “Polonia: «Pronti ad ospitare armi nucleari degli Usa»

  • 5 Aprile 2022 in 1:42
    Permalink

    Poveri polacchi.Hanno dei politici collusi con gli usurai globalisti che hanno fatto diventare la Polonia una colonia USA.Eppure con la caduta del muro di Berlino potevano rimanere non allineati con Mosca e Washington e rimanere una nazione sovrana.Oltre ai loro politici servi i polacchi hanno anche l’enorme problema di un incomprensibile ed autodistruttivo odio nei confronti dei russi.Cio’ gli porterà ad una irrilevanza assoluta, come avviene nella colonia Italia.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *