Biden: «Putin criminale di guerra. La Russia: «Parole imperdonabili da chi ha bombardato il mondo»

La pace è lontana. Usa e Russia si lanciano segnali di ulteriore guerra, che vanno oltre al conflitto in corso in Ucraina. Biden definisce Putin «criminale di guerra», Mosca risponde «parole imperdonabili» e intanto continuano senza sosta i bombardamenti delle città ucraine, con Mariupol ormai totalmente rasa al suolo. L’ultimo tragico segnale è stato la strage di civili nel teatro, almeno 500 morti, molti sono bambini. Biden: «Putin sta infliggendo devastazione e orrore, bombardando appartamenti e reparti di maternità. Queste sono atrocità, un oltraggio per il mondo. Non sarà mai una vittoria per Putin indipendentemente dai progressi che farà sul campo di battaglia», si legge su Affari Italiani.

Pertanto Mosca reagisce e definisce imperdonabile la retorica del capo della Casa Bianca: «Le sue bombe hanno ucciso centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo». Il Cremlino ha definito inaccettabili e le parole del presidente degli Stati Uniti Joe Biden. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.