Wzhf: una radio russa trasmette a 20 chilometri dalla Casa Bianca. Presto la censura

«A meno di venti chilometri dalla Casa Bianca, nel Maryland, c’è una piccola radio filo-russa che continua a trasmettere nonostante le sanzioni contro tutti i media di Mosca negli Stati Uniti e nel mondo dopo l’invasione dell’Ucraina». Lo rende noto Rai News.
«Finanziata dal Cremlino dal 2017, Wzhf è un’ex radio in lingua spagnola ed è considerata, scrive il Washington Post, il fiore all’occhiello dello sforzo di Vladimir Putin per vendere il suo punto di vista negli Usa. Sulla frequenza 1390 Am ogni giorno continua a trasmettere i contenuti di Sputnik», radio e giornale online attualmente censurate dall’Europa e dagli Usa.

«A dispetto di un segnale da 9.000 watt che può essere ascoltato in tutta la regione, il messaggio della radio pro-Putin non sembra andare molto lontano tanto che Whzf non risulta tra le prime 40 stazioni ascoltate nell’area di Washington. Ma per quanto limitata sia la sua audience, i suoi collegamenti con il Cremlino hanno cominciato a suscitare qualche preoccupazione e la National Association of Broadcasters americana ha invitato i proprietari delle stazioni a interrompere la trasmissione di programmi sponsorizzati dal Cremlino.» scrive Rai News «Senza menzionarle direttamente, l’Amministratore delegato, Curtis Legeyt ha comunque suggerito che Whzf o Sputnik, stiano diffondendo propaganda russa». Come se i media americani ed europei fossero super partes e non facessero propaganda a favore dell’ex comico sui tacchi Zelensky e alla Nato.

«’Sebbene il primo emendamento protegga la libertà di parola… questo non impedisce ai privati di avere una loro etica‘, ha affermato Legeyt in una nota, fa sapere Rai News. ‘La nostra nazione deve essere unita contro la disinformazione a favore della libertà e della democrazia in tutto il mondo‘».

Insomma, la solita bufala statunitense sui loro modi «democratici» con i quali tappano la bocca (vedi Trump sui social) e bombardano mezzi mondo colonizzare gli Stati “ribelli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *