Roma: botte, insulti e anziani chiusi in stanza. I Nas hanno scoperto un ospizio-lagher

Botte, insulti e intimidazioni di ogni tipo. Latte ‘allungato’ con acqua. Anziani sedati e costretti a restare nelle loro stanze dal pomeriggio alla mattina dopo. È una comunità alloggio-lager quella scoperta dai Carabinieri del Nas di Roma in un Comune del litorale laziale: in collaborazione con i colleghi dell’Arma territoriale, i militari hanno eseguito 3 ordinanze di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, 2 ordinanze di applicazione di misure interdittive (divieto temporaneo dell’esercizio della relativa impresa o professione) e 7 decreti di perquisizione disposti dalla procura di Velletri. Lo riporta l’agenzia AGI

Le indagini supportate da attività tecniche di intercettazione ambientale audio video e telefoniche hanno permesso di accertare le responsabilità dei proprietari e dei dipendenti della struttura. Agli indagati vengono contestati dagli investigatori reati di maltrattamenti quali: «Sistematiche condotte vessatorie fisiche e verbali nonché reiterate intimidazioni anche mediante strattoni, colpi, insulti, minacce e lancio di oggetti»; «omissioni nella cura degli ospiti residenti e somministrazione massiccia di farmaci sedativi, senza alcuna necessità e al di fuori di alcun piano terapeutico, così da sopire gli ospiti durante la notte evitando richieste di assistenza consentendo agli operatori sanitari di riposare indisturbati»; «omesso approvvigionamento di generi alimentari/ beni di prima necessità (il latte veniva ‘allungato’ con acqua al fine di lucrare al massimo sui profitti generati dall’attività, scrive l’AGI)»; «inesistenza di qualsiasi attività ludica o ricreativa per gli anziani i quali erano anche costretti a restare nelle loro camere dalle 18.00 serali fino al mattino successivo».

Immagine AGF – Carabinieri dei Nas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.