Zakharova, ministero esteri russo, risponde a Macron sull’«assenza del nazismo» in Ucraina

La rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova , ha reagito alla dichiarazione del leader francese Emmanuel Macron secondo cui in Ucraina non vi sarebbe alcun nazismo. Lo riporta la Pravda.ru.
Secondo il diplomatico russo, per diversi anni i politici francesi non hanno letto materiale sui difficili eventi in Ucraina.

Nel su canale Telegram, ha citato alcuni fatti commessi:
«Il 16 settembre 2019, i neonazisti ucraini hanno profanato un monumento alle vittime dell’Olocausto con una svastica nazista sul luogo del massacro di 54mila ebrei nel villaggio di Bogdanovka, distretto di Domanevsky, regione di Mykolaiv, hanno lasciato un biglietto con il seguente contenuto: «Ritornate in voi, ebrei. Fermare! Perché la vendita della terra ucraina ti porterà rapidamente all’Olocausto», ha scritto Zakharova.

Come ha fatto notare la rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo, negli ultimi anni si sono verificati migliaia di fatti simili. È convinta che solo coloro che «non volevano vedere» non li vedessero. Zakharova ha promesso che la Russia avrebbe ricordato al mondo intero questi crimini, conclude Pravda.ru.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.