Draghi: «Siamo all’inizio di un cambiamento profondo». Divergenze sull’ordine internazionale mondiale

«Restiamo uniti tra noi». Si conclude con queste parole l’informativa del premier Mario Draghi alla Camera sulla crisi ucraina. Draghi parla di come ci troviamo davanti ad una crisi di portata storica – scrive Today.it – «lunga e difficile da ricomporre, anche perché sta confermando l’esistenza di profonde divergenze sulla visione dell’ordine internazionale mondiale che non sarà facile superare».

«Dal punto di vista militare, la Nato – ha sottolineato il premier – si è già attivata. Ieri si è riunito il Consiglio Nord-Atlantico sulla base di quanto previsto dall’articolo 4 del trattato di Washington e ha approvato cinque piani di risposta graduale che, in questa prima fase puntano a consolidare la postura di deterrenza a est. Le fasi successive, vincolate ad un’evoluzione dello scenario, prevedono l’assunzione di una postura di ‘difesa’ e, in seguito di ‘ristabilimento della sicurezza’». «I piani – ha spiegato – prevedono due aspetti fondamentali: l’incremento delle forze dispiegate in territorio alleato, con il transito delle unità militari sotto la catena di comando e controllo del Comandante Supremo Alleato in Europa; e l’utilizzo di regole d’ingaggio predisposte per un impegno immediato».

Guerra in Ucraina, fino a 4000 militari italiani pronti a partire 

«Le forze italiane che prevediamo essere impiegate dalla Nato sono costituite da unità già schierate in zona di operazioni – circa 240 uomini attualmente schierati in Lettonia, insieme a forze navali, e a velivoli in Romania; e da altre che saranno attivate su richiesta del Comando Alleato. Per queste, siamo pronti a contribuire con circa 1400 uomini e donne dell’Esercito, della Marina e dell’Aeronautica, e con ulteriori 2000 militari disponibili». «Le forze saranno impiegate nell’area di responsabilità della Nato e non c’è nessuna autorizzazione implicita dell’attraversamento dei confini, ha precisato Draghi. L’Italia e la Nato vogliono trasmettere un messaggio di unità e solidarietà alla causa ucraina e di difesa dell’architettura di sicurezza europea».

4 pensieri riguardo “Draghi: «Siamo all’inizio di un cambiamento profondo». Divergenze sull’ordine internazionale mondiale

  • 26 Febbraio 2022 in 0:17
    Permalink

    Draghi è stato capo della BCE.Di che giro fà parte il “vile affarista”?

    Vi sono usurai oligarchi stranieri che si sono impossessati della moneta degli stati, che producono privatamente ed a costo zero e con cui depredano ogni bene pubblico e privato.Sono loro dietro al grande reset biologico e digitale dell’ umanità con i veleni genici con l’intenzione di soggiogarci ancora di piu’.
    Non gli basta controllare il nostro denaro .

    La Banca d’Inghilterra è privata dal 1699,quella di Francia dal 1800, la FED dal 1913 e la Banca d’Italia dal 1992.La BCE è privata da quando è nata, essendo proprieta’ in quota delle banche centrali europee,tutte private.Tutte queste sono fonti primarie di produzione del denaro; basta un clic sul computer o sulla stampante.Ovviamente non possono mai fallire anche se provano a farci credere il contrario perchè le persone potrebbero capire che con un semplice clic si potrebbero annullare tutti i debiti esistenti.

    Oltre alla produzione primaria del denaro, le oligarchie della finanza hanno anche la proprietà della maggioranza delle banche.Le banche sono la fonte secondaria della creazione del denaro; se X versa 1000 loro possono subito prestare 10000 non avendoli in bilancio poichè hanno l’obbligo di tenere solo il 10% in contanti, quelli versati da X.

    Lo stato italiano aveva delle ottime leggi bancarie in cui lo stato aveva voce sulla creazionedel denaro e sul controllo delle banche.Ovviamente sono state cambiate per favorire i padroni stranieri

    Rispondi
  • 25 Febbraio 2022 in 16:52
    Permalink

    Il cambiamento profondo è che la Russia e Cina non accettano piu’ il globalismo amorale (pro sodomia, aborto,eutanasia,immigrazione,distruzione delle identità,etc) totalitario e antiumano degli amici di Draghi, i banchieri usurai a cui ha svenduto banca d’italia ed il resto delle banche ed aziende pubbliche.
    Questo è un criminale che và indagato per la strage, tramite veleni genici sperimentali obbligatori,di decine di migliaia di italiani morti ed invalidi.E ha fatto tutto questo per il loro programma di grande reset con controllo biologico e digitale dei cittadini, che loro considerano alla stregua di animali da allevamento
    Ci vada lui e gli altri banchieri e i loro figli a fare la guerra ai russi, che hanno solo reagito ad un accerchiamento della nato, sebbene da mesi avessero richiesto che i loro corrotti sgherri ucraini non mettessero missili ai confini russi.E 4 giorni prima dell’ attacco russo, il demente burattino di Zelensky si è scavato la fossa da solo dicendo che l’Ucraina avrebbe avuto armi nucleari!!!.

    Rispondi
  • 25 Febbraio 2022 in 15:40
    Permalink

    povero omuncolo…. quando le grandi forze si mettono in moto, “whatevere it takes” finisce a pulire le latrine…

    Rispondi
  • 25 Febbraio 2022 in 13:25
    Permalink

    Dei Draghi & Co. rimarrano cinture, borsette e portafogli (vuoti).

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.