Nicola Porro: «L’Italia resta ostaggio di Draghi e Speranza». La carota sempre più in là

«L’Italia resta ostaggio di Draghi e Speranza. Il Paese continua a restare prigioniero delle norme restrittive senza vederne la fine». Ci va giù duro Nicola Porro sul proprio sito web con Roberto Speranza, ministro della Salute, e Mario Draghi, presidente del Consiglio, le cui parole sul superamento dei limiti imposti dalla pandemia appaiono fumose.

Il conduttore di Quarta Repubblica ospite un intervento di Marco Baronti, che attacca: «La fine delle restrizioni anti Covid somiglia sempre di più alla classica carota agitata sotto al muso dei coniglietti. Serve a farli ingolosire, ma proprio quando gli animali la stanno per afferrare, chi gliela fa penzolare davanti la sposta un po’ più in là», scrive il Tempo.

Draghi, nella conferenza stampa di ieri, non ha tracciato alcun cronoprogramma preciso sull’allentamento delle misure, lasciando gli italiani con un pugno di mosche in mano: «Il Paese – scrive Baronti – resta prigioniero delle norme più estremiste (e ingiustificabili, vista la situazione) del mondo. Il green pass necessario praticamente per svolgere qualsiasi attività al di fuori delle mura domestiche, il super green pass imposto agli over 50 dietro la minaccia di perdere lo stipendio, addirittura ancora i famosi colori delle Regioni, che ormai non hanno più senso, ma restano l’irrinunciabile feticcio di Speranza».

«Vi dobbiamo tenere sulle spine, – riporta Il Tempo – dobbiamo allentare la morsa quel tanto che basta a non farvi perdere la pazienza, sempre pronti a stringere di nuovo la briglia, all’occorrenza» il pensiero sulla strategia governativa. «Quando – si chiede l’articolo sul sito di Porro – finiranno le vessazioni? Boh.  Vaghezza che l’ingrediente necessario dell’arbitrio del potere, di cui siamo vittime, forse parzialmente consenzienti, da due anni. E chissà per quanto altro tempo…».

Un pensiero su “Nicola Porro: «L’Italia resta ostaggio di Draghi e Speranza». La carota sempre più in là

  • 19 Febbraio 2022 in 12:24
    Permalink

    estratto da;forlifeonearth.weebly.com/transhumans-reports-on-the-composition-of-nano-technological-covid-vaccines.html

    dal VAERS che registra gli effetti avversi dei sieri covid negli USA;
    -46 bambini morti registrati al VAERS per gli effetti avversi dei sieri covid; si stima che da solo dall 1% al 10% viene dichiarato!!
    -un whistleblower imprenditore di pompe funebri in Inghilterra afferma che ha visto dieci volte di piu’ di bambini morti dall’ inizio delle “vaccinazioni” rispetto a prima
    -91% di aborti spontanei se iniettato siero prima della ventesima settimana di gestazione!!!
    -2620 bambini nati morti dopo siero covid alla madre(Stillbirths and miscarriages)-solo quelli dichiarati

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.