Gentiloni boccia l’obbligo vaccinale ma nessuno ne parla

L’obbligo vaccinale poteva avere senso mesi fa, quando ampie fette della popolazione europea erano esposte al Covid e alle forme più gravi della malattie, come quella indotta dalla variante Delta. Diverso il discorso oggi, con molti cittadini che hanno ricevuto la terza dose e la diffusione della variante Omicron che causa meno ricoveri e decessi delle precedenti forme del virus. Eppure il 15 febbraio in Italia scatterà l’obbligo di super green pass per tutti i lavoratori che potranno presentarsi in azienda solo se in regola con il ciclo vaccinale o guariti dal Covid, pena la sospensione dello stipendio.

Lo stesso commissario europeo per economia Paolo Gentiloni in una intervista al Funk Mediengruppe, un’associazione di quotidiani tedeschi ripresa tra gli altre dal giornale economico Die Welt, ha espresso dubbi a riguardo. «La discussione sulla vaccinazione obbligatoria contro il Covid-19 ha avuto la sua giustificazione mesi fa», ha detto l’ex premier italiano, «ma non credo che ora sia il momento di discutere della vaccinazione obbligatoria». Per l’esponente del Pd «siamo sulla stessa strada per allentare le restrizioni, paese per paese», e pur non essendo contrario in linea di principio alle vaccinazioni obbligatorie – ha fatto l’esempio dei sieri contro il morbillo –  ha lasciato intendere che la su applicazione oggi sarebbe inattuale anche se ogni governo deve decidere da solo questa questione. Ma con la variante Omicron «nel complesso, il numero di decessi e di ricoveri sta diminuendo in modo significativo» ha detto l’ex presidente del Consiglio.

L’intervista a Gentiloni è stata pubblicata su molti media tedeschi ma in Italia non si è vista da nessuna parte. «Il Commissario Europeo Paolo Gentiloni manda in soffitta l’obbligo vaccinale. Vale anche in Italia? Come mai i media italiani non riportano la notizia?» accusa la leader Fdi Giorgia Meloni su twitter, citando le parole alla stampa tedesca di Gentiloni, secondo cui «non credo che ora sia il momento di discutere di vaccinazione obbligatoria».

La presidente di Fratelli d’Italia punta il dito sul governo di Mario Draghi  che «mentre tutto il mondo allenta le restrizioni» impone a «centinaia di migliaia di lavoratori» di  rimanere «a casa senza stipendio per il ricatto del green pass. Un provvedimento vessatorio senza alcun senso scientifico. Il green pass va abolito». «Proibire alle persone di potersi guadagnare da vivere, penalizzando anche le aziende che dovranno fare a meno della forza lavoro in un periodo di grande difficoltà economica per tutta la Nazione, è semplicemente delirante», conclude la Meloni.

Il Tempo

Un pensiero su “Gentiloni boccia l’obbligo vaccinale ma nessuno ne parla

  • 15 Febbraio 2022 in 12:25
    Permalink

    da; comedonchisciotte.org
    titolo;Il motivo ESATTO del perché DEVI cedere all’inoculazione… Per esistere socialmente!

    …….”Quando vai dal negoziante e usi il GP è possiblile connettere il tuo smartfogn al codice MAC che emette il tuo corpo e realizzare una sorta di tracciamento fisico, non solo dei tuoi spostamenti, ma di qualsiasi cosa tu stia facendo. Questa estrazione di dati, moltiplicherebbe il flusso, diventando di fatto una traccia per ogni tuoi comportamento e pensiero che una I.A. non avrebbe difficoltà a leggere e interpretare. In questo modo possono essere compilate liste di probi e reprobi per qualsiasi cosa. Dai permessi agli ingressi che possono così essere automatici, all’uso dei servizi a prescindere da quali. Anche il PC che avete in casa. Resistere a quel punto è impossibile, qualsiasi cosa si faccia, l’unica scappatoia è rinunciare al malefico cellulare, perché? Banale Watson, perché il segnale generato da un interfaccia iniettata è debolissimo e deve avere per forza un ripetitore vicino al corpo, che è il tuo smartfogn che ti sei comperato magari a rate per avere l’ultimo modello. Ma per poterlo “agganciare” devi usarlo.”………

    PS;Si consiglia la lettuira dell’ intero articolo!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.