Attenzione a PayPal: «Siamo un’azienda privata, possiamo bloccare il conto senza spiegazioni»

PayPal blocca il conto di un’associazione di liberi cittadini senza un chiaro motivo

«Scusi, quale regola è stata violata?» è la legittima domanda posta questa mattina da Carlo Dalmasso, presidente dell’associazione Federazione Popolo Sovrano, all’addetta all’assistenza telefonica di PayPal. La quale ha risposto: «Siamo un’azienda privata, possiamo bloccare il conto senza dare spiegazioni».

L’unico chiarimento è stato fornito tramite email, e senza alcun preavviso: «Stiamo avviando la chiusura del tuo conto PayPal».

L’email:
«Dopo una revisione delle attività del tuo conto, risulta che quest’ultimo viola le Regole sull’utilizzo consentito di PayPal. Di conseguenza, il tuo conto è stato limitato in modo permanente e non potrai più usare PayPal per le tue attività professionali. Queste misure sono previste dalle sezioni “Attività non consentite” e “Azioni che PayPal può intraprendere” delle Condizioni d’uso PayPal. Devi rimuovere tutti i riferimenti a PayPal dai tuoi siti e/o dalle tue aste, nonché rimuovere PayPal come opzione di pagamento, il logo PayPal e il carrello PayPal.Non potrai più usare il tuo conto PayPal.
Cosa succederà al saldo del tuo conto PayPal?
Se sul tuo saldo PayPal è presente del denaro, lo tratterremo per un massimo di 180 giorni. Controlleremo periodicamente il tuo conto per sbloccare il denaro. Un approccio graduale alla chiusura del conto ci consente di terminare il nostro rapporto nel rispetto degli obblighi, quali ad esempio risolvere pratiche con gli acquirenti, rispondere ai chargeback e aiutarti a evitare perdite finanziarie.
Stiamo avviando la procedura di chiusura e dobbiamo controllare i movimenti di denaro sul tuo conto. Se il tuo saldo è negativo, dovrai riportarlo a zero o in positivo per evitare ulteriori provvedimenti».
Carlo Dalmasso, presidente dell’associazione, chiarisce che non è stato effettuato alcun movimento di denaro che possa violare una qualsiasi regola. Il conto PayPal contiene delle semplici donazioni fatte a favore dell’associazione e per il giornale online La Pekora Nera: in pratica un conto risparmio utile a pagare le spese sostenute dalle due attività.

L’aspetto inquietante è che PayPal, con sede in Lussemburgo, da sempre definita una società sicura per il trasferimento di danaro, si può arrogare il diritto di trattenere i risparmi altrui fino a 180 giorni.

Quale sarà la regola violata? 

La Pekora Nera incomincia a dare fastidio e, non potendola censurare, le si tolgono i fondi?
Oppure si vuole togliere di mezzo un’associazione, chiudendole il conto, che fa della Costituzione italiana il suo manifesto?

Non si può sapere perché PayPal risponde come un qualsiasi social: «Siamo un’azienda privata, possiamo bloccare il conto senza dare spiegazioni».

5 pensieri riguardo “Attenzione a PayPal: «Siamo un’azienda privata, possiamo bloccare il conto senza spiegazioni»

  • 23 Febbraio 2022 in 0:50
    Permalink

    Chissà perchè il centro dell’immondizia d’Europa ha sede in Belgio… tutte le più grosse schifezze le hanno concentrate lì, forse perchè nordico è bello? O perchè era il paese modello degli strozzini che vantava il minor deficit nazionale? Di certo a chi scrive gli articoli qui vanno i miei più alti e sentiti complimenti per la mira infallibile, infatti non gli scappa niente, ed è un segno indelebile di grande onestà, nonchè forza interiore. Bravi.

    Sapete come ho ribaltato lo strapotere di PayPal? Ho inviato a Carta Lis un protocollo in cui li consigliavo di vendere la loro carta antiprivacy a chi avesse tare mentali dette manie di notorietà, in modo che tutti i ladri telematici potessero rubare i loro bei dati biometrici obbligatori mentre accquistano pavoneggiandosi allo smartphone, e poi l’ho lasciata scadere vuota per tre anni.

    Dovreste vedere quante email mi hanno mandato sia loro che conto PayPal per farmi riprendere l’uso di quella trappola, ricevendo le adeguate risposte che si meritano, questi cupi fantasmi onnipotenti, finendo in spam. Cessateli tutti, la loro potenza sta nel vostro prostrarvi, solo così diventano padroni, se no sono solo dei poveri burocrati dell’usura che prendendoli a calci scappano via come cani.

    Rispondi
  • 19 Febbraio 2022 in 12:15
    Permalink

    La Pekora Nera incomincia a dare fastidio e, non potendola censurare, le si tolgono i fondi?

    E’ il metodo Trudeau. Il suicidio globalista è iniziato.

    Rispondi
  • 17 Febbraio 2022 in 12:36
    Permalink

    Da diversi mesi, abbiamo iniziato a batterci contro Paypal pubblicando tantissime prove a dimostrazione di come paypal operi in maniera illegittima.

    Rispondi
  • 16 Febbraio 2022 in 15:43
    Permalink

    Quando gli usurai che hanno in mano la produzione privata e a costo zero della moneta toglieranno i contanti con la scusa della evasione, se ti levano il conto non potrai nemmeno fare l’elemosina.Queste elites occulte avranno anche altri 2 vantaggi; potranno replicare all’ infinito il denaro senza dover nemmeno tenere in contante il 10% come oggi e potranno evitare la corsa agli sportelli e il successivo fallimento delle loro case da gioco private.

    Rispondi
  • 16 Febbraio 2022 in 15:40
    Permalink

    Sono 2 anni e mezzo che trattengono i miei soldi, impossibile riaverli indietro. Sono dei truffatori, ho anche diverse registrazioni telefoniche.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.