Caro bollette, stangata da 550 milioni sui bilanci comunali: i sindaci lasciano al buio i monumenti

Il caro energia che sta colpendo pesantemente i bilanci delle famiglie e delle imprese rischia di mettere in ginocchio anche la casse dei Comuni italiani. Impegnati nella predisposizione dei bilanci di previsione, i sindaci lanciano un appello al governo chiedendo un intervento immediato per sostenere gli enti locali. E lo faranno anche in maniera simbolica giovedì 10 febbraio quando alcuni monumenti e piazze delle piccole e grandi città italiane rimarranno al buio per mezz’ora, dalle 20 alle 20.30: un’iniziativa lanciata dal sindaco di Cento (Ferrara), promossa dall’Anci dell’Emilia Romagna e poi anche da quella nazionale, che vedrà l’adesione di tanti primi cittadini italiani, si legge su Il Fatto Quotidiano. Spegnere i monumenti per accendere i riflettori sui rischi connessi all’aumento dei costi di luce e gas per i Comuni, che avranno inevitabilmente conseguenze dirette sugli stessi cittadini.

L’aumento di spesa stimato dal presidente dell’Anci Antonio Decaro è di almeno 550 milioni di euro per i Comuni italiani, su una spesa complessiva annua che oscilla tra 1,6 e 1,8 miliardi di euro. Stime nazionali confermate anche dai due sindaci promotori della mobilitazione di giovedì. «Noi avremo uno scostamento di non meno di un milione di euro su un costo complessivo di poco superiore ai tre milioni», spiega a Il Fatto Quotidiano il sindaco Pd di Reggio Emilia e presidente dell’Anci Emilia Romagna, Luca Vecchi. Una percentuale di rincaro di quasi il trenta per cento riscontrata anche nelle stime del Comune di Cento, guidato dal primo cittadino di centrosinistra Edoardo Accorsi: «Stiamo prevedendo dai 400 a 450mila euro in più rispetto al milione e mezzo che solitamente spendiamo per gas e luce nel nostro Comune», sottolinea il sindaco che per primo ha lanciato la mobilitazione, annunciando di spegnere le luci della Rocca, la fortificazione medievale simbolo della cittadina di Cento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.