MoVimento 5 Stelle: è guerra sui social. Grillini sempre più Armata Brancaleone

La guerra interna nel MoVimento 5 Stelle, imploso nel corso della partita del Quirinale e dopo la rielezione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, si legge su Il Tempo.
Ormai lo scontro è senza esclusione di colpi e si sposta da tv e giornali ai social. Giuseppe Conte e Luigi Di Maio non se le sono mandate a dire, sembrano di fatto due separati in casa e rappresentano due M5S distinti e contrapposti. Così, mentre l’ex grillino Alessandro Di Battista dice senza mezzi termini che al ministro degli Esteri «interessa solo il potere», anche i fedelissimi del nuovo presidente e capo politico pentastellato mettono nel mirino Di Maio, sottolinea Il Tempo.

Domenica sera l’hashtag «DiMaioout» era di tendenza ma è stato smentito perché «fake». I dimaiani reagiscono all’artiglieria dei contiani: bisogna avere l’intelligenza di saper distinguere l’utilità di un risultato dalla coerenza del percorso che si è seguito per raggiungerlo. «È evidente che la gestione politica di queste elezioni per il Quirinale da parte dei leader di partito non sia stata né esemplare né brillante. Ed evidenziarlo come molti hanno fatto, anche Luigi Di Maio, non può essere una colpa», scrive un attivista online, fa sapere Il Tempo.

E pensare che dovevano sconfiggere la «casta»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.