Quirinale, Cassese: «Le cariche pubbliche non si sollecitano e non si rifiutano»

“Le cariche pubbliche non si sollecitano e non si rifiutano”. Così il costituzionalista Sabino Cassese, intervistato da Rainewes24, risponde ad una domanda sulle notizie che circolano da ieri di una sua candidatura alla Presidenza della Repubblica. “In questi casi – ha detto – ripeto una espressione imparata da alcuni dei più autorevoli personaggi della vita istituzionale francese che mi hanno spiegato che le cariche pubbliche non si sollecitano e non si rifiutano. Secondo me è una giusta considerazione”. “Questa è la linea di condotta: non si sollecitano perché la decisione spetta ad altre persone, non si rifiutano perché è un dovere di tutti i cittadini, un dovere di solidarietà nei confronti della comunità”.

L’autorevole costituzionalista, tra i nomi che circolano in queste ore per il Quirinale, ha ricordato che quanto sta avvenendo alla Camera è “nella norma” in quanto l’elezione del Presidente della Repubblica, tolte due eccezioni, è avvenuta sempre dopo una serie di votazioni. “Mi pare che le forze politiche stiano dialogando e ho una ragionevole speranza che venga fuori un bel nome”. Secondo l’ex giudice della Corte Costituzionale è importante che il presidente abbia una forza duplice: di persuasione sulle forze politiche “perché queste convergano per raggiungere obiettivi per il Paese” e di autorità istituzionale per garantire il funzionamento dei tre poteri legislativo, giudiziario ed esecutivo.

A proposito di un eventuale bis di Sergio Mattarella, per Cassese, “la Costituzione non prevede, ma non impedisce la rielezione. Il presidente Mattarella ha espresso la sua opinione, credo che vada rispettata”. Per quanto riguarda una eventuale elezione di Mario Draghi, ha sottolineato, “vi sono stati precedenti di passaggi, ma non così immediati”, però “è una cosa legittima e possibile con procedura semplice resa possibile perché il presidente eletto non è ancora in carica. C’è un lasso di tempo per realizzare il passaggio”.

E poi alla domanda su chi sarà il capo dello Stato. Cassese risponde candidamente: “Questa domanda va fatta a 1.009 persone, non a me…”.

RaiNewsImmagine Ansa di Claudio Peri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.