Negato trapianto di cuore a malato grave non vaccinato

Un ospedale statunitense ha rifiutato un paziente per un trapianto di cuore, almeno in parte perché non vaccinato contro il Covid-19.

DJ Ferguson, 31 anni, ha un disperato bisogno di un cuore nuovo, ma il Brigham and Women’s Hospital di Boston lo ha cancellato dalla lista dei trapianti, ha detto il padre di David.

Il Brigham and Women’s Hospital ha dichiarato alla BBC : «Data la carenza di organi disponibili, facciamo tutto il possibile per garantire che un paziente che riceva un organo trapiantato abbia le maggiori possibilità di sopravvivenza».

Un portavoce dell’ospedale ha affermato che viene richiesto «il vaccino contro il Covid-19 per i candidati al trapianto, per l’eventuali cure e per una migliore possibilità di successo dell’operazione, oltre che per ottimizzare la sopravvivenza del paziente dopo il trapianto, dato che il loro sistema immunitario è drasticamente soppresso».

L’ospedale ha aggiunto che la maggior parte delle 100.000 persone in lista d’attesa per i trapianti di organi non riceveranno un organo entro cinque anni a causa della carenza di organi disponibili.

Il signor Ferguson è in ospedale dal  26 novembre 2021 e soffre di un problema cardiaco ereditario che causa il riempimento dei suoi polmoni di sangue e liquidi, secondo GoFundMe.

L’organizzatore della raccolta fondi ha affermato che il signor Ferguson era preoccupato di un’eventuale un’infiammazione cardiaca: un potenziale effetto collaterale della vaccinazione contro il coronavirus che i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) sottolineano è raro e temporaneo – ma che potrebbe rivelarsi pericoloso data la debolezza del cuore del paziente.

Il dottor Arthur Caplan, capo dell’etica medica presso la NYU Grossman School of Medicine, ha fatto sapere a CBS News che dopo un qualsiasi trapianto di organi il sistema immunitario di un paziente è quasi bloccato e anche un comune raffreddore potrebbe rivelarsi fatale: «Gli organi sono scarsi – ha sottolineato Caplan – non li distribuiremo a chi ha poche possibilità di vivere, quando altri individui, vaccinati, hanno maggiori possibilità di sopravvivere dopo l’intervento chirurgico» la notizia è riportata dalla BBC News.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.