Israele: record storico di contagi dopo la 4° dose di vaccino.

Il Paese sempre con una dose in più di vaccino anti covid, tanto da aver iniziato prima di ogni altro stato al mondo il quarto richiamo del siero anti Covid, ha una marea di contagi.

La realtà è che Israele sta raggiungendo un nuovo record assoluto di contagi, nonostante sia tra i paesi con più vaccinati e con più dosi. «Sono infatti 71.593 i nuovi casi registrati nella giornata di ieri, secondo il bollettino diffuso questa mattina dal ministero della Sanità. I malati gravi ricoverati sono inoltre saliti a 526, rispetto ai 498 di martedì sera», si legge su Libero Quotidiano, un giornale che non si può certo annoverare tra le testate no vax.

Evidentemente, la narrazione imposta incomincia a scricchiolare anche tra le colonne di coloro vorrebbero vaccinare anche il proprio cane o gatto.

Un pensiero su “Israele: record storico di contagi dopo la 4° dose di vaccino.

  • 21 Gennaio 2022 in 2:35
    Permalink

    La disinformazione mainstream continua a mentire agli italiani dicendo che in terapia intensiva ci vanno quasi solo i non vaccinati quando è esattamente il contrario.Oltre a falsare i dati per creare un clima di odio ed esclusione utile a sottoporre tutti al controllo digitale e biologico permanente, giocano sul fatto che per loro un non vaccinato è anche uno che si è fatto 2 dosi ma ovviamente lo nascondono.

    Siamo di fronte a fenomeni di vera delinquenza, dato che è un reato penale l’abuso della credulità popolare,oltrechè l’attentato alla salute, la discriminazione e la riduzione in schiavitu’ con lockdown domiciliare.Ma oramai le leggi italiane e la costituzione sono carta straccia per i poteri forti occulti gloablisti .Abbiamo governi che,oltre ad apporre il segreto di stato illeggittimamente,fanno leggi incostituzionali al posto di un parlamento con molti collusi.E’ evidente che non siamo in democrazia, dove vi dovrebbe essere una maggioranza ed un opposizione .

    Ci fanno anche credere che i morti sono sopratutto non vaccinati quando in Spagna e Inghilterra,dove i politici hanno capito di giocarsi la carriera alle prossime elezioni, è uscito fuori che l’ 80% circa dei morti da covid sono vaccinati.Probabilmente muoiono anche per la proteina spike iniettata dato che è quella che fà i danni nell’ infezione covid e che porta alle tromboembolie polmonari ,come dimostrato dalle autopsie fatte da medici coscienti che il ministero della sanità aveva provato a vietare.Tromboembolie che ho letto possono rendere adirittura dannosa la ventilazione meccanica dato che il polmone non è in grado di assorbire l’ossigeno e che rendono fondamentali l’utilizzo di anti-aggreganti piastrinici quali aspirina o eparina.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.