Bill Gates, fa il chiromante: «Sono in arrivo pandemie molto peggiori»

Chiromante, menagramo o semplicemente businessman? Bill Gates annuncia: «Pandemie molto più mortali in arrivo. Necessari investimenti sulla sanità».

A riportare la “profezia” del patron di Microsoft è un articolo dell’americano Financial Times. Secondo Gates, mentre le varianti Delta e Omicron del Covid si sono rivelate tra i virus più trasmissivi mai visti, il mondo potrebbe dover affrontare un agente patogeno altrettanto contagioso, ma con un tasso molto più alto di mortalità, scrive Affari Italiani.

Mentre in tutto il mondo si cominciano ad allentare le restrizioni, Bill Gates chiede ai governi di investire miliardi di dollari per prepararsi alla prossima epidemia globale. La Bill & Melinda Gates Foundation e il Wellcome Trust del Regno Unito stanno elargendo negli ultimi giorni la cifra monstre di 300 milioni di dollari alla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (Cepi), – scrive Affari -la quale ha contribuito a formare il programma Covax per fornire vaccini ai Paesi del mondo a basso e medio reddito.

Insomma, l’uomo che ebbe grande conoscenza dei virus informatici sta diventando sempre più un “esperto virologo” in ambito medico…

I più maligni insinuano che colui il quale copiò dalla Apple il sistema window, dopo aver fatto milioni di dollari “riparando” virus da computer, abbia capito che nel mondo ci sono più umani da vaccinare che antivirus informatici da vendere.

Tant’è che «la stessa Cepi sta tentando di raccogliere ben 3,5 miliardi di dollari allo scopo di ridurre il tempo necessario per sviluppare un vaccino. Nel caso in cui la raccolta avesse successo, i tempi stimati per la realizzazione di un nuovo vaccino sarebbero ridotti a circa 100 giorni» si legge su Affari Italiani. «Gates afferma che le priorità del mondo sono “strane” e che è toccato ai filantropi e ai governi ricchi affrontare l’iniquità del vaccino». Il milionario spiega: «Quando si parla di spendere miliardi per risparmiare trilioni di danni economici e decine di milioni di vite, direi che è una polizza assicurativa piuttosto buona».

«Secondo il tycoon americano, gli sforzi a livello di innovazione per prepararsi a una futura pandemia potrebbero anche essere utili ad affrontare i problemi sanitari globali esistenti». Se così fosse bisognerebbe convincere i governi italiani a sospendere i tagli alla sanità.

«Sir Jeremy Farrar, direttore del Wellcome Trust, spiega che è “fondamentale” che i fondi provengano non solo dai budget per lo sviluppo internazionale, ma più in generale dai finanziamenti governativi».

Covid, la prima “profezia” di Bill Gates

All’inizio dell’emergenza Covid, avevano fatto il giro del mondo alcune parole pronunciate, sempre da Bill Gates, durante il suo intervento del 2015 al Technology, Entertainment, and Design (TED): «Se qualcosa ucciderà 10 milioni di persone, nei prossimi decenni, è più probabile che sia un virus altamente contagioso piuttosto che una guerra. Non missili, ma microbi», fa sapere Affari.

Big Pharma sarà assolutamente d’accordo con l’affermazione del nuovo “profeta”, non per nulla il vaccino anti Covid è diventata una vera e propria divinità della nuova religione: la scienzah.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.