Djokovic espulso dagli Australian Open: l’Australia ha annullato il suo visto

Ultime notizie dall’Australia: il tennista Novak Djokovic è stato espulso dagli Australian Open. Il ministro dell’Immigrazione Alex Hawke ha usato il suo potere personale per annullare il visto del tennista serbo. “Ho deciso per motivi di salute e buon ordine a tutela dell’interesse pubblico”, ha fatto sapere. I legali di Djokovic stanno preparando un ricorso immediato.

La telenovela circa la partecipazione del numero uno del tennis mondiale agli Australian Open, che ha tenuto con il fiato sospeso mezzo mondo e non solo gli appassionati di tennis, sembra quindi giunta all’epilogo più clamoroso.

Djokovic espulso dagli Australian Open

Un’attesa durata 11 giorni. Nella mattinata italiana il Ministro dell’Immigrazione Alex Hawke ha preso la sua decisione riguardo il caso Djokovic. Il governo australiano ha cancellato il visto del serbo. “Esercitato il mio potere ai sensi della sezione 133C (3) della legge sulla migrazione per annullare il visto del signor Novak Djokovic”, dice il Ministro dell’immigrazione nel suo comunicato ufficiale. Questo, “per motivi di salute e buon ordine, sulla base del fatto che ciò era nell’interesse pubblico“. E ancora: “Questa decisione ha fatto seguito alle ordinanze del Circuito federale e del Tribunale della Famiglia del 10 gennaio 2022, che riformavano una precedente decisione di annullamento per motivi di equità procedurale. Nel prendere questa decisione, ho considerato attentamente le informazioni fornitemi dal Dipartimento degli affari interni, dall’Australian Border Force e dal signor Djokovic. Il governo Morrison è fermamente impegnato a proteggere i confini dell’Australia, in particolare in relazione alla pandemia di COVID-19″.

Per il tennista numero 1 al mondo, le speranze di esordire in questo inizio settimana nel tabellone del primo Slam stagionale si sono ridotte all’osso. I legali del serbo avevano già fatto intuire un ricorso al tribunale. Djokovic aveva già vinto un appello in tale sede pochi giorni dopo esser stato detenuto per dubbi sulla regolarità del suo ingresso in Australia. Si prepara una nuova battaglia legale che potrebbe infiammare il mondo intero.

Djokovic espulso, cosa succede adesso?

Mancano tre giorni agli Australian Open. Difficile che Djokovic possa ribaltare ancora una volta la situazione. Tuttavia gli avvocati del nove volte campione al Major oceanico stanno preparando un’ingiunzione immediata, l’ultimo tentativo di salvare il serbo. Qualora il provvedimento non venisse revocato, infatti, a Djokovic sarà vietato l’ingresso in Australia per tre anni.

Si tratta della seconda volta in poche ore che il visto di Djokovic viene cancellato. Dopo aver trascorso quattro notti nel Park Hotel di Melbourne, dal 10 gennaio Djokovic era tornato ad allenarsi al Melbourne Park in vista dell’inizio del torneo. Giovedì scorso, inoltre, era stato regolarmente inserito nel tabellone principale. Il primo turno sarebbe stato contro il connazionale Miomir Kecmanovic.

Il Giornale d’Italia – Immagine lapresse.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.