Gedi, il sistema «Repubblica»: 101 indagati. Maxi-truffa all’Inps da 38,9 mln

Coinvolti manager e sindacalisti. Il trucco per massimizzare i profitti e distribuire più dividendi. Il gip: «Nemmeno gli avvisi di garanzia li hanno fermati»

L’inchiesta su Gedi si allarga a macchia d’olio. Svelati altri dettagli sul sistema «Repubblica», i prepensionamenti facili per massimizzare i profitti e distribuire più dividendi ai soci. Il gruppo, guidato da De Benedetti fino al 2019 e poi passato agli Agnelli – si legge sulla Verità – ha conquistato un record che fa impallidire quota 100: mandare in pensione un’ottantina di lavoratori con un’età media di 54 anni. Ex dipendenti finiti nel mirino della Procura di Roma. Le accuse a vario titolo sono di truffa aggravata ai danni dello Stato, accesso abusivo a sistema informatico e responsabilità amministrativa di reato per cinque aziende della holding.

Da qui – prosegue la Verità – la decisione di «congelare» il presunto corpo del reato ovvero l’illecito profitto che Gedi avrebbe conseguito grazie all’abbattimento del costo del personale, quantificato dai pm in 38,9 milioni di euro. I pm volevano sequestrare ulteriori 22 milioni, ma poi si è ritenuto di non procedere su un ulteriore intervento. Il gip: «Nemmeno le perquisizioni effettuate dalla Guardia di Finanza in questi anni hanno fermato l’azienda. L’Organismo di vigilanza ha omesso di intervenire nonostante gli avvisi di garanzia notificati nel marzo 2018».

Affari Italiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.