Donato: «Collasso della sanità siciliana. Risposta inconsistente da parte di Musumeci»

Palermo, 11 gen. – «Il collasso della sanità siciliana porterà a nuove e pesanti restrizioni con immani danni per l’economia regionale». Lo denuncia l’europarlamentare indipendente Francesca Donato.

«Se oggi abbiamo tutti gli ospedali siciliani in grave difficoltà – spiega la deputata europea – non è solo per l’esplosione dei contagi ma anche per il fallimento del governo Musumeci sul fronte dell’incremento dei posti letto e dell’arruolamento di personale medico qualificato nei reparti Covid, sia di pronto soccorso che di terapia ordinaria, subintensiva ed intensiva. Aumentare i posti letto senza il personale medico significa fare lazzaretti».

Per la parlamentare europea «lo sgonfiamento della tensostruttura montata davanti al pronto soccorso dell’ospedale Cervello di Palermo con dentro cinque pazienti è purtroppo il simbolo non solo dell’improvvisazione di questo governo regionale ma anche dell’inconsistenza dell’intera strategia di risposta al Covid di Musumeci e Razza. Deve essere chiaro – conclude – che chiusure e restrizioni che a breve verranno invocate e che danneggeranno le attività economiche siciliane sono il risultato dell’incapacità del governo della Regione di dare risposte adeguate dopo due anni di pandemia».

Fonte: canale Telegram Francesca Donato

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.