Omicron, Cts: tamponi positivi falsi per il Green Pass. Figliuolo: hub vaccinali aperti anche di notte

Il generale Figliuolo ha deciso di accelerare ulteriormente la campagna vaccinale, soprattutto per la fascia degli over 50, quelli che non potranno più rifiutare l’immunizzazione, specie per poter lavorare. Il rimbalzo delle prime dosi – si legge sul Corriere della Sera – è spinto (anche) dall’obbligo vaccinale. Una tendenza che si osserva da qualche giorno e segnala come la svolta impressa dal governo nell’ultimo decreto stia riuscendo man mano a ridurre il numero dei non vaccinati. Un piano che prevede l’apertura degli hub vaccinali anche di notte. Con linee dedicate (senza prenotazione) per gli over 50. Intanto dal Cts arriva un nuovo preoccupante segnale d’allarme. Secondo Fabio Ciciliano, uno dei membri del comitato tecnico scientifico, i dati provenienti dalle farmacie sono a volte non veritieri, si legge su Affari Italiani. 

«La semplificazione dell’impianto normativo sulla diagnostica dei casi positivi, – spiega Ciciliano al Corriere – se da un lato facilita la gestione complessiva degli isolamenti (basta la positività al semplice tampone antigenico) dall’altro può aprire a potenziali criticità dovute al tentativo di corruzione di farmacisti compiacenti. Ci sono segnalazioni da varie città. Basta registrare in piattaforma tamponi surrettiziamente positivi al fine del rilascio del Green Pass successivo all’esecuzione di un secondo tampone negativo e si elude uno dei più importanti sistemi di vigilanza sull’epidemia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *