Covid, sempre più concreto l’obbligo vaccinale per gli over 50 e ‘Super pass’ per il lavoro

È in corso la cabina di regia a Palazzo Chigi per discutere le prossime misure da mettere in atto contro la pandemia di Covid 19. Si va verso l’obbligo vaccinale per chi ha più di 50 anni. Sul tavolo anche il Super Green pass per i lavoratori. 

Il premier Mario Draghi presiede la seduta a cui partecipano i ministri Roberto Speranza di Leu, Dario Franceschini del Pd, Massimo Garavaglia della Lega, Elena Bonetti di Iv, Maria Stella Gelmini di Fi, Fabiana Dadone del M5s. Ci sono inoltre i ministri della Pa Renato Brunetta, dell’Economia Daniele Franco e della Scuola Patrizio Bianchi, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Roberto Garofoli.

Presenti anche il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro e il capo del Cts Franco Locatelli. Il Governo discute in questa sede una nuova stretta per frenare la corsa del virus. A favore dell’obbligo vaccinale sono Pd, Iv e Fi. Con loro anche il ministro della Salute Roberto Speranza, mentre la Lega apre all’obbligo, ma solo per gli over 60.

Il ministro del Turismo Massimo Garavaglia porta la posizione della Lega sulle misure anti-Covid in favore della vaccinazione obbligatoria per gli over 60, “proprio per tutelare le fasce più fragili della popolazione”. In sede di riunione di governo, Garavaglia – viene riferito – ribadirà la necessità di non dimenticare l’impatto economico della pandemia su un settore importante per l’economia nazionale come il turismo. Pertanto, ribadirà la necessità di interventi a sostegno del settore, a partire dalla cassa integrazione per i lavoratori del settore.

Sono queste le posizioni dei partiti della maggioranza a ridosso della cabina di regia. Molti dubbi sembrano invece solcare il M5s, che ha al suo interno diverse posizioni: “Appare paradossale ragionare di obbligo vaccinale quando anche coloro che si rendono disponibili per la terza dose incontrano difficoltà a farla in tempi brevi”, ha detto ieri Giuseppe Conte. La cabina di regia dovrebbe avere al vaglio anche l’ipotesi, rilanciata ieri da Forza Italia, di obbligo di Super Green pass per tutti i lavoratori, ma questa proposta non sembra convincere del tutto neanche chi, come il Pd, è a favore dell’obbligo di vaccini per tutti. Sul tavolo della riunione di questo pomeriggio la Lega porterà una posizione concordata con i governatori, a favore dell’obbligo per chi ha più di 60 anni. Iv auspica che l’obbligo sia esteso a tutti, lavorando in maniera equilibrata su sanzioni e tempistiche.

“Il governo centrale ha il diritto di sospendere le garanzie costituzionali se c’è l’esigenza di garantire la salute delle persone. Io spero che oggi avvenga il miracolo, quello che il governo Draghi decida finalmente l’obbligo vaccinale, lo dico da diverso tempo. Da un governo tecnico, di emergenza, straordinario non è arrivata alcuna decisione ne straordinaria, ne eccezionale e noi continuiamo a rincorrere un provvedimento che potrebbe risistemare la condizione degli asintomatici”. Così il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci a Sky Tg24.

Il Giornale d’ItaliaImmagine: lapresse.it

3 pensieri riguardo “Covid, sempre più concreto l’obbligo vaccinale per gli over 50 e ‘Super pass’ per il lavoro

  • 6 Gennaio 2022 in 7:34
    Permalink

    Una nuova Corte di Norimberga li attende. Verranno cercati , inseguiti , perseguiti e condannati ovunque si andassero a nascondere . La caccia e le “punizioni” degli Israeliani ai nazisti dopo la fine della seconda guerra mondiale sembrerà al confronto un happy hour . Non ci sarà alcuna mitezza della pena, nessuna magnanimità nella condanna .Saranno ricordati nei libri di storia allo stesso modo di nazisti, fascisti e comunisti .La “caccia” verrà eseguita in tutto il mondo e sarà l’inizio di una nuova era per l’Italia e per l’umanità intera.

    Rispondi
  • 5 Gennaio 2022 in 19:21
    Permalink

    Il 14 febbraio, si farà una notte dei cristalli. La lista è quella dell’articolo. Chi vuole partecipare?

    Rispondi
  • 5 Gennaio 2022 in 17:33
    Permalink

    Nello Musumeci ,che adesso scopriamo esperto di costituzione, dice
    “Il governo centrale ha il diritto di sospendere le garanzie costituzionali se c’è l’esigenza di garantire la salute delle persone”
    A parte che le garanzie sono sospese da 2 anni, non è il governo “centrale” che puo’ stabilirlo ma è il parlamento semmai che deve dichiarare la dittatura.Per Musumeci e compari garantire la salute delle persone è obbligarle a fare da cavia gratuita a terapie geniche sperimentali che si stanno dimostrando ad elevatissima mortalità e tossicità in tutto il mondo.Questi pensano che tutti gli italiani siano disinformati dai loro media complici e abbiano gettato in discarica il cervello?? Sono milioni quelli che hanno capito le menzogne del potere, utili a soggiogarci definitivamente con un qr code come negli allevamenti animali e a somministrarci i veleni che vogliono.
    Questi politici vanno indagati penalmente per abuso della credulità popolare, riduzione in schiavitu’ e attentato alla salute del popolo.E devono rispondere con i propri beni ai danni erariali enormi fatti alle casse dello stato con la scusa di un epidemia virale con mortalità nella media (età media dei morti con test positivo: 80 anni!!!)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.