Siri (Lega) : «Covid? Una malattia mentale. I vaccini si fanno una volta non ogni 4/5 mesi. Questi sono un flop»

«Ma di quale vaccino parliamo? Perché i vaccini si fanno una volta nella vita, al massimo un richiamo e la questione si conclude li. Qui si parla di un farmaco da inoculare ogni 4/5 mesi che non fornisce immunità sterilizzante e non garantisce lo stop completo allo sviluppo sintomatico». Lo dichiara ad Affaritaliani.it il senatore della Lega Armando Siri, commentando l’ipotesi sempre più probabile dell’obbligo vaccinale per legge.

«Negli ospedali – sottolinea Siri – gli operatori con cui sono costantemente in contatto mi confermano che arrivano individui che dopo 10 giorni non hanno neppure mai iniziato una cura. Vuol dire che non siamo capaci di curare chi, come è sempre accaduto nella stagione invernale può prendere un virus da raffreddamento. Ma le pare normale?».

«Il medicinale (pseudo vaccino) che si sta utilizzando andrebbe somministrato solo ad anziani e fragili nella speranza che il rapporto rischio beneficio propenda per quest’ultimo mentre tutti gli altri si dovrebbero curare come è sempre stato invece di andare in paranoia facendo la fila per un tampone anche senza avere sintomi».

«I sieri a disposizione non hanno concluso la fase sperimentale quindi non possono essere oggetto di obbligo. Poi per carità essendo stato fatto a pezzi lo stato di diritto tutto può essere. Ma io sicuramente non sono favorevole. Sono sempre stato e continuo ad essere per la libertà di scelta terapeutica».

«Tra l’altro mi pare che al punto in cui siamo questi farmaci si siano rivelati un mezzo fallimento. Se dopo un anno, dopo aver somministrato 112 milioni di dosi siamo ancora ridotti così abbiamo la conferma che la malattia è mentale non virale», conclude Siri.

Condividi


3 pensieri riguardo “Siri (Lega) : «Covid? Una malattia mentale. I vaccini si fanno una volta non ogni 4/5 mesi. Questi sono un flop»

  • 4 Gennaio 2022 in 23:23
    Permalink

    Ma costui fino ad ora dov’è stato?

    Rispondi
  • 4 Gennaio 2022 in 14:58
    Permalink

    Esiste ancora qualcuno che ragiona, in un mare di imbelli.
    Cari governanti, pagherete per tutto il male che avete e state ancora facendo

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.