Italia: nel 2021 sono sbarcati 67mila migranti, quasi il doppio rispetto l’anno precedente

Mentre il Governo vieta la possibilità di andare al lavoro, se non con super pass «nel 2021 sono 67.040 i migranti sbarcati sulle coste italiane, poco meno del doppio rispetto ai 34.154 dell’anno scorso. Dall’1 gennaio al 27 dicembre, i minori stranieri non accompagnati sbarcati sono stati 9.478, a fronte dei 4.687 dell’intero 2020. E’ quanto emerge dall’aggiornamento (alle 8 di stamane) del cruscotto statistico pubblicato online dal Viminale» si legge su Agi.

«Con riferimento alla nazionalità dichiarata al momento dell’arrivo, i migranti risultano originari di:

  • Tunisia (23%)
  • Egitto (12%)
  • Bangladesh (12%)
  • Iran (6%)
  • Costa d’Avorio (6%)
  • Iraq (4%)
  • Guinea (4%)
  • Eritrea (4%)
  • Siria (3%)
  • Marocco (3%)

Al 15 dicembre scorso, i migranti in accoglienza erano 78.421, di cui 398 negli hotspot (179 in Sicilia e 219 in Puglia), 52.308 nei centri di accoglienza e 25.715 nei centri Sai (Sistema di accoglienza e integrazione): la regione che ne ospita di più resta la Lombardia (13%), davanti ad Emilia Romagna (10%), Piemonte (9%), Lazio (9%), Sicilia (8%), Campania (7%), Toscana (6%), Puglia (6%), Friuli Venezia Giulia (5%) e Calabria (5%)», così su Agi.

Un pensiero su “Italia: nel 2021 sono sbarcati 67mila migranti, quasi il doppio rispetto l’anno precedente

  • 31 Dicembre 2021 in 18:35
    Permalink

    Io direi che tutto questi migranti, lì potremmo mandare a casa dai nostri politici, lui potremmo fare mantenere a loro spese.
    La nostra (di fa per dire) ministra, cosa sta facendo per risolvere il problema?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.